The news is by your side.

Zona economica speciale, D’Alessandro (IV): Abruzzo in ritardo, ma ci sono importanti novità

9

Chieti. Tra le quattro Regioni che non ancora attivano le Zes c’è l’Abruzzo, ma con un’importante novità: è quanto emerge dalla risposta alla interrogazione del Ministro per il Sud Provenzano al Deputato abruzzese di Italia Viva Camillo D’Alessandro. “Secondo il Ministro la Regione non ancora conclude l’iter e questo mi preoccupa, ma la vera novità è un’altra”, precisa il deputato abruzzese di Italia Viva, “è cambiato l’orientamento del Ministero che ha chiarito, a mia precisa richiesta, che è possibile l’attivazione della Zes anche in aree portuali al cui interno sono presenti porti classificati come “comprehnsive “, ovvero Civitavecchia, e non solo “core”, come Ancona”.

“Ho chiarito al Ministro che il precedente governo”, spiega D’Alessandro, “in uno specifico incontro con il Governo regionale, aveva invece affermato esattamente il contrario e cioe che l’Abruzzo avrebbe potuto cambiare l’autorità ma avrebbe perso la possibilità di istituire la Zona Economica Speciale. Ora la palla torna al presidente Marsilio ed alla sua maggioranza, ben sapendo che, per effetto della risposta del ministro oggi in aula, laddove opptasse per il ritorno alla strategia con Civitavecchia dovrebbe ripresentare il progetto Zes”.

“A questo punto mi auguro che si possa fissare una seduta straordinaria del consiglio regionale, aperto a sindacati e categorie, per affrontare la nuova situazione “, chiarisce D’Alessandro, “non possiamo accumulare ritardo rispetto a ciò che si sta muovendo. Oltre alle risorse garantite dallo Stato per attivare il credito di imposta sugli investimenti e le facilitazioni doganali ed amministrative, il istema bancario ha stanziato 2,6 miliardi per accompganare gli investimenti e gli insediamenti industriali ed infrastrutturali nelle aree Zes”.

Articoli più letti

Ultimi articoli