The news is by your side.

Voto su Pan a Roseto, ex sindaco: autogol di chi ha cercato di far saltare il Consiglio comunale

16

Roseto. “Le scomposte ed irritate reazioni dei due gruppi di matrice Ginobliana (Roseto protagonista e Roseto Democratica) che cercano di gettare fango sulle persone – dichiara l’ex sindaco oggi capogruppo del movimento politico di opposizione “Roseto al Centro” Enio Pavone– dimostrano ancora una volta, se ce ne fosse
bisogno, che l’atteggiamento di quei coraggiosi Consiglieri Comunali di minoranza che hanno impedito lo scioglimento del Consiglio Comunale, convocato in seconda convocazione, per l’adozione del Pan, era corretto e soprattutto fatto nell’interesse della città di Roseto degli Abruzzi.

“Abbiamo fatto saltare – continua Pavone – un maldestro tentativo di dimostrazione di chi comanda davvero in questa città, ed abbiamo nello stesso tempo, con la nostra presenza determinante, fatto sì che dopo 16 anni di discussioni, rinvii, commissariamenti, proteste e quant’altro, oggi finalmente la città di Roseto degli Abruzzi ha potuto adottare il Piano di Assetto Naturalistico della Riserva del Borsacchio, votato da tutto il Consiglio Comunale tranne uno”.

“Questo fondamentale atto a cui dovrà seguire l’approvazione definitiva da parte del Consiglio Regionale, e la nomina definitiva del Comitato di gestione, darà la possibilità di partecipare ed attingere ai tanti fondi europei che finanziano la gestione delle riserve naturalistiche – continua Pavone. Ribadisco quindi con forza e ferma convinzione il ruolo che il movimento politico di opposizione “Roseto al Centro”, di cui mi onoro di essere il rappresentante in Consiglio Comunale, ha avuto in questi 5 anni di opposizione seria e costruttiva”, conclude Enio Pavone.

Articoli più letti

Ultimi articoli