The news is by your side.

Urla durante il Consiglio, Febbo replica a D’Alessandro: il bue dice cornuto all’asino

14

L’Aquila. “Quando il bue dice cornuto all’asino: il sottosegretario D’Alessandro ha una bella faccia tosta ad accusare il centrodestra di urlare perché non ha argomenti. E’ quanto dichiara il presidente della Commissione di Vigilanza, Mauro Febbo che aggiunge: “D’Alessandro forse dimentica di quanto più volte hanno fatto in Aula negli anni scorsi lui e i suoi colleghi dell’allora minoranza, compreso il Presidente lancio fogliDi Pangrazio: ad esempio i cartelli esposti durante i lavori o le proteste e il lancio dei fogli in occasione dell’approvazione del bilancio nel dicembre 2013 solo per citare un paio di casi. Ma è chiaro che il Sottosegretario con delega alla difesa del Presidente ha l’arduo compito di trovare un modo per giustificare l’ingiustificabile comportamento tenuta dal Governo di centrosinistra. Ma ci tengo però a precisare che mai, quando eravamo al Governo di questa Regione, è accaduto qualcosa di lontanamente simile a quanto successo ieri all’Emiciclo con una seduta convocata alle 11:00 e posticipata alle 16:00: una palese mancanza di rispetto nei confronti di Consiglieri presenti ma anche degli amministratori e dei cittadini seduti tra il pubblico. Mai è accaduto che ci si defilasse evitando la discussione e il confronto su argomenti così importanti e così sentiti dalla comunità. Ieri il centrosinistra lo ha fatto e le urla dei presenti, comprese quelle degli amministratori locali di centrosinistra, sono un chiaro segnale sul quale D’Alessandro dovrebbe riflettere piuttosto che gettare fumo negli occhi degli abruzzesi”.

Articoli più letti

Ultimi articoli