The news is by your side.

Università D’Annunzio condannata a restituire Ima a 114 dipendenti

19

Chieti. L’università d’Annunzio di Chieti ­ Pescara deve restituire, dal primo agosto 2014, l’Ima (indennità mensile accessoria) a 114 dipendenti. università ChietiLo ha deciso il giudice del lavoro di Chieti Ilaria Prozzo. Secondo il giudice l’Ima ”ha indubbia natura retributiva in quanto inserita nella struttura della retribuzione, è corrisposta con cadenza periodica mensile e con carattere di generalità: si tratta, anzi­ scrive ancora il giudice ­ di una componente essenziale della retribuzione, del tutto svincolata, anche per espressa previsione dell’art. 41 comma 4 del contratto nazionale 27 gennaio 2005, dallo svolgimento di particolari attività o prestazioni e da valutazioni in ordine alla produttività individuale. La mancata corresponsione sia pure determinata da rilievi ispettivi, urta contro il principio di irriducibilità e intangibilità della retribuzione”. Sono 114 i dipendenti dell’ateneo, sui 300 che si erano visti decurtare l’indennità mensile di ateneo che pesa sulla busta in media per 300 euro al mese, che avevano presentato ricorso assistiti dall’avvocato Alessandro Cassigoli. Oggi, nell’ultima udienza l’ateneo era rappresentato dall’avvocato Antonio D’Antonio

Articoli più letti

Ultimi articoli