The news is by your side.

Tutti i colori del miele I: l’etichetta narrante del Millefiori che racconta il territorio

12

Miele millefiori colle saleraIl mondo del miele è un mondo curioso, affascinante e divertente. Lo scopriremo  nelle sue infinite sfaccettature insieme a voi, con l’aiuto dell’azienda Apicoltura Colle Salera di Pratola Peligna, che da 40 anni si dedica alla produzione di miele e da 20 produce in biologico.

Tutti i colori del miele” è il titolo della rubrica attraverso cui ogni mese vi proporremo un appuntamento di approfondimento di questa dolce realtà.

Per ogni puntata, una tipologia di miele diversa. Alla scoperta dei suoi odori, sapori e caratteristiche che la contraddistinguono.

MIELE MILLEFIORI.

Partiamo da uno dei mieli che più facilmente troviamo sulle tavole degli italiani.

Come ci suggerisce il nome stesso, il miele Millefiori si distingue da quelli monoflora: esso deriva infatti da un insieme naturale di nettari diversi. Ciò si traduce nella presenza non di una tipologia floreale dominante bensì di svariati tipi di fiori e, quindi, sapori racchiusi al suo interno.

Questa, a volte, è una delle ragioni che porta molti a pensare che sia un miele di serie B rispetto agli altri.

“Ammetto che è un luogo comune molto diffuso”, ha dichiarato Walter Pace, titolare dell’azienda Apicoltura Colle Salera “ma negli ultimi tre/quattro anni, il miele Millefiori ha subito una importante rivalutazione dovuta soprattutto alla sua ‘etichetta narrante’. Che cosa vuol dire?”.

“Il valore aggiunto di questa tipologia di miele”, ha continuato, “è dovuto a una caratteristica che solo lui può possedere: racconta il territorio in cui è stato prodotto. Dalle analisi che vengono eseguite, infatti, è possibile risalire a tutte le tipologie di fiori da cui le api hanno preso il nettare e quindi realizzare nell’etichetta una vera e propria descrizione geografica del paesaggio, puntando i riflettori su parte della flora che lo colorano. Anche solo pensarci mi affascina”.

Caratteristiche principali del miele Millefiori.

  • Zona di produzione: Abruzzo, Parco Nazionale della Majella.

 

  • Colore. Il colore del miele è variabile: parte dal biondo per arrivare al rossiccio, a seconda della stagione e soprattutto in base all’altitudine. Infatti, anche a una distanza pari a meno di un chilometro, si può verificare un cambiamento di tonalità notevole.

 

  • Odori. Generalmente sono forti e gradevoli ma variano da un anno all’altro. Il miele Millefiori presenta numerosi aromi e profumi che provengono dai tanti e diversi fiori che lo compongono. In questo caso, gli odori sono quelli di circa una 20ina di tipologie floreali tipiche delle nostre montagne abruzzesi.

 

  • Sapori. Il sapore non è particolarmente incisivo, ecco perché è amato dai bambini. Ciò è dovuto al fatto che il miele Millefiori non ha pollini accompagnatori. Anche in questo caso, però, la gradazione dipende dalla stagione e dalla combinazione delle piante da cui è composto.

 

  • Cristallizzazione: generalmente rapida. La cristallizzazione non deve essere vista in modo negativo perché è il risultato di un processo naturale. Quella del miele Millefiori avviene circa dopo alcuni mesi e ciò ne testimonia la genuinità. E’ consigliabile comunque conservarlo in un luogo asciutto, a temperatura ambiente.

Né l’odore, né il sapore del miele Millefiori alterano gli alimenti. Versato in una bevanda, come ad esempio in una tisana, o messo nell’impasto di una torta, non rilascia un odore o un sapore caratteristico che ne stravolge l’equilibrio, come invece farebbe il miele di castagno”.

Ma del suo uso in cucina ne parleremo nel prossimo appuntamento, in cui con l’Apicoltura Colle Salera sveleremo una nuova ricetta da realizzare con il miele Millefiori. Non vi resta che rimanere aggiornati!

Il miele Millefiori dell’Apicoltura Colle Salera si è contraddistinto anche in occasione della partecipazione a importanti eventi, ricevendo notevoli premiazioni e riconoscimenti: Concorso Nazionale “GRANDI MIELI D’ITALIA”, Concorso Internazionale “LONDON HONEY AWARDS” 2019-2020, Concorso Internazionale di mieli biologici “BIOLMIEL”, Concorso Nazionale “I MIELI ITALIANI A MONTALCINO”.

Per maggiori info: 333 360 0083/389 148 7271 o [email protected]

Via per Prezza

67035 Pratola Peligna

Articoli più letti

Ultimi articoli