The news is by your side.

Torna il grande teatro al D’Annunzio, tra i grandi nomi Edoardo Leo e Giulia Michelini

Sei spettacoli per tutti i gusti, da luglio a settembre, nel cartellone presentato dall’Ente Manifestazioni Pescaresi

149

Pescara. È pronta a partire la sezione teatrale del calendario dell’Ente Manifestazioni Pescaresi che, all’interno del PeFest, propone dal mese di luglio fino a settembre un cartellone d’eccezione con sei preziosi appuntamenti, a cominciare dalle tre rappresentazioni in programma del Festival “La Cultura dei Legami”, cui si aggiungono tre spettacoli con artisti di grande richiamo, portatori di linguaggi diversi che si fonderanno nella cornice del Teatro d’Annunzio, facendo dialogare il teatro con la musica, la mitologia e la letteratura.

“È un altro interessante banco di prova per la ripartenza della nostra Pescara che grazie all’Ente Manifestazioni Pescaresi ha messo in piedi un programma vario e di grande interesse perché spazia tra generi e suggestioni diverse, che certamente sarà apprezzato dal pubblico che raggiungerà la nostra città”, ha dichiarato il sindaco del Comune di Pescara Carlo Masci, “gli spettacoli sono parte dell’ampia offerta estiva di intrattenimento che la nostra città sarà in grado di offrire. Ringrazio quindi tutti coloro che hanno lavorato e che si impegneranno per la riuscita del PeFest”.

“Pescara sta ripartendo in maniera sempre più convinta dopo i mesi difficili della pandemia, ed è una ripartenza all’insegna della cultura e della bellezza”, ha affermato l’assessore alla Cultura del Comune di Pescara Mariarita Paoni Saccone, “nella lunga stagione estiva firmata dall’Ente Manifestazioni Pescaresi accanto alle classiche rassegne di Funambolika e del Pescara Jazz trova spazio un cartellone teatrale di altissimo profilo e per tutti i gusti: ne sono contenta per il pubblico ma anche per gli artisti, che possono finalmente tornare a calcare il palcoscenico dopo questa lunga assenza forzata a causa del Covid”.

“Credo fortemente che puntare sulla cultura e sugli eventi come strumento per promuovere Pescara nel panorama turistico nazionale e internazionale sia una scelta vincente”, ha ricordato invece l’Assessore al Turismo e ai Grandi Eventi del Comune di Pescara Alfredo Cremonese, “la stagione teatrale organizzata dall’Ente Manifestazioni Pescaresi è l’ennesimo tassello di un cartellone ricchissimo che comprende ad oggi oltre 30 appuntamenti e più di 150 ospiti, e ci sono serbo ancora tante altre sorprese che annunceremo a breve”.

“Sono molto soddisfatto del lavoro svolto insieme al Consiglio di Amministrazione dell’Ente”, afferma Valter Meale, Presidente dell’EMP, “perché in poco tempo siamo riusciti per il PeFest a fare un cartellone ricco di appuntamenti con grandi artisti. Non poteva mancare il teatro, che rappresenta un presidio socioculturale che risponde alla pubblica necessità, sia di ritorno a fare comunità, sia di far ripartire il settore culturale tanto colpito dalla pandemia”.

“Benvenuti a teatro. Dove tutto è finto ma niente è falso, diceva Gigi Proietti”, aggiunge Simone D’Angelo, Vicepresidente dell’Ente Manifestazioni Pescaresi, “l’arte della recitazione torna al Teatro d’Annunzio con grandi nomi e tanto entusiasmo. L’entusiasmo di chi vuole tornare a sorridere e divertirsi”. La rassegna teatrale del PeFest si apre il 14 luglio con “Alza la voce”, un testo di Paola Michelini e Paolo Civati con la regia dello stesso Civati, prodotto dal TSA Teatro Stabile d’Abruzzo e Stefano Francioni Produzioni.

Lo spettacolo prende spunto da un fatto reale – l’Orsa Pizza, chiusa da anni all’interno di una teca in un centro commerciale in Cina – e utilizza la metafora per riflettere sugli stereotipi legati oggi al femminile attraverso i personaggi di due donne: Stella e Pizza. Servendosi anche del linguaggio proprio della Stand Up Comedy, si racconta un confronto ironico e surreale, che procede per analogie, per sfumature emotive, visive e sonore, nel tentativo di parlare del femminile e della sua natura, che sfugge a qualsiasi definizione.

Parte il 24 luglio, la settima edizione del festival di teatro contemporaneo “La Cultura dei Legami”, uno degli appuntamenti più significativi della scena culturale regionale, ideato e diretto artisticamente da Edoardo Oliva, del Teatro Immediato, per la prima volta d’estate, en plen air, che esordisce quest’anno con tre spettacoli teatrali, all’interno del cartellone estivo dell’Ente Manifestazioni Pescaresi.

«Siamo molto lieti di inaugurare questa collaborazione con un’istituzione prestigiosa come l’Ente Manifestazioni Pescaresi, che ospiterà la settima edizione del nostro festival teatrale “La cultura dei Legami”. E sarà la prima volta all’aperto, sotto le stelle, d’estate, in un contesto scenico storico e suggestivo come il teatro-monumento d’Annunzio», spiega Edoardo Oliva, direttore artistico del festival. «Una ripartenza ideale, dopo il lungo stop provocato dal Covid. Quest’anno il nostro festival sarà dedicato alla memoria di Enzo Spirito, grande autore, attore e regista di origini napoletane, nostro collaboratore della prima ora, scomparso a maggio».

Lo spettacolo di debutto del 24 luglio vedrà in scena uno dei più popolari attori italiani, Massimo Popolizio, con “La caduta di Troia”, della compagnia Umberto Orsini. Dal libro secondo dell’Eneide. Popolizio sarà accompagnato da tre musicisti di rango come Stefano Saletti, Barbara Eramo e Pejman Tadayon. Un rècital-spettacolo da non perdere.

Seconda data in programma il 28 luglio, con Macbettu di Alessandro Serra, uno degli spettacoli più fragorosi e premiati degli ultimi anni, che ha girato il mondo. Un adattamento straordinario e innovativo del Macbeth di William Shakespeare, recitato, come nella tradizione elisabettiana, solamente da attori uomini e in un sardo strettissimo, tanto da richiedere i sottotitoli in italiano. Uno spettacolo potente, stupefacente, che attinge a tutti gli elementi ancestrali e mitici della tradizione dell’isola. Uno spazio scenico vuoto, attraversato dai corpi degli attori che disegnano luoghi ed evocano presenze. Pietre, terra, ferro, sangue, positure di guerriero, residui di antiche civiltà nuragiche.

Sabato 31 luglio andrà in scena “Ti racconto una storia”, lo spettacolo di e con Edoardo Leo che ha registrato ovunque grande successo di pubblico e critica. Reading-spettacolo prodotto dalla Stefano Francioni Produzioni, con le improvvisazioni musicali di Jonis Bascir, con appunti, suggestioni, letture e pensieri, che l’attore e regista Edoardo Leo ha raccolto dall’inizio della sua carriera ad oggi. Vent’anni di note, ritagli, ricordi e risate, trasformati in uno spettacolo coinvolgente che cambia forma e contenuto ogni volta, in base allo spazio e all’occasione. È uno spettacolo che fa sorridere e riflettere, che racconta spaccati di vita umana, unendo parole e musica.

Il 1° agosto per il festival “La Cultura dei legami”, ci sarà il terzo e ultimo spettacolo, “Animali da bar”, che porta la firma di Carrozzeria Orfeo, giovane ma quotatissima compagnia artefice di un teatro contemporaneo dal forte impatto cinematografico. Come in questa rappresentazione, dal sapore tragicomico, che sembra uscita dal genio di Quentin Tarantino.

La chiusura della rassegna teatrale dell’Ente Manifestazioni è affidata a Luca Argentero, che porterà in scena sabato 11 settembre, sul palco del Teatro d’annunzio, lo spettacolo di successo “È questa la vita che sognavo da bambino?”, prodotto dalla Stefano Francioni Produzioni; scritto da Gianni Corsi, Luca Argentero ed Edoardo Leo, che ne cura anche la regia; musiche di Davide Cavuti. L’attore, sul palco, narra le storie di grandi personaggi dalle vite straordinarie che hanno inciso profondamente nella società, nella storia e nella loro disciplina. Raccontati sia dal punto di vista umano che sociale, con una particolare attenzione al contesto dei tempi in cui hanno vissuto. Tre storie completamente diverse l’una dall’altra, di Luisin Malabrocca, Walter Bonatti e Alberto Tomba, tre sportivi italiani che hanno fatto sognare, tifare, ridere e commuovere varie generazioni di italiani, tre personaggi accomunati da una sola caratteristica: essere diventati, ognuno a modo proprio, degli eroi.

 

PROGRAMMA SPETTACOLI

14 luglio ore 21:15

“Alza la voce”: con Giulia e Paola Michelini; testo di Paola Michelini e Paolo Scovati. Regia di Paolo Civati

31 luglio ore 21:15

“Ti racconto una storia”: con Edoardo Leo; regia di Edoardo Leo; improvvisazioni musicali di Jonis Bascir

11 settembre ore 21:15

“È questa la vita che sognavo da bambino?”: con Luca Argentero; testi Gianni Corsi, Luca Argentero ed Edoardo Leo. Regia di Edoardo Leo; musiche di Davide Cavuti.

 

La Cultura dei legami

a cura di Edoardo Oliva, in collaborazione con Teatro Immediato

24 luglio – ore 21:15

Compagnia Orsini

“La caduta di Troia” (dal libro II dell’Eneide) con Massimo Popolizio – musiche eseguite dal vivo da Stefano Saletti – Barbara Eramo Pejman Tadayon- Adattamento e Regia Massimo Popolizio

28 luglio – ore 21:15

Sardegna Teatro in collaborazione con Compagnia Teatro Persona

“Macbettu” di Alessandro Serra tratto dal Macbeth di William Shakespeare; con con FulvioAccogli, Andrea Bartolomeo, Leonardo Capuano, Andrea Carroni, Giovanni Carroni, Maurizio Giordo, Stefano Mereu, Felice Montervino – Regia Alessandro Serra

1° agosto – ore 21:15

Compagnia Carrozzeria Orfeo

“Animali da bar” di Gabriele Di Luca, con Beatrice Schiros, Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti, Pier Luigi Pasino, Paolo Li Volsi. Voce fuori campo Alessandro Haber

Regia Alessandro Tedeschi, Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti

 

Prezzi biglietti:

Festival Cultura dei Legami (24 e 28 luglio, 1° agosto): il biglietto intero d’ingresso ai singoli spettacoli costa 15 euro, 12 euro il ridotto. L’abbonamento a tutti e tre gli spettacoli è di 35 euro (intero) e 25 euro (ridotto).

Spettacolo 14 luglio – “Alza la voce”: platea 25,00 euro + d.p. – gradinata 20,00 euro + d.p.

Spettacolo 31 luglio – “Ti racconto una storia”: platea 34,50 euro – gradinata 28,75 euro (diritti di prevendita inclusi).

Spettacolo 11 settembre – “È questa la vita che sognavo da bambino?”: platea 35,00 euro + d.p. – gradinata 30,00 euro + d.p.

Il botteghino del teatro è aperto tutti i giorni dalle 17 alle 20 (escluso festivi, tel. 342.9549562), e la sera degli spettacoli anche dalle ore 20 in poi. I biglietti sono inoltre disponibili online su ciaoticket.com e nelle tabaccherie e punti vendita convenzionati con Ciaotickets (con diritti aggiuntivi di prevendita). Sul sito www.entemanifestazionipescaresi.com, sulle pagine Facebook e Instagram, approfondimenti, immagini e curiosità sul programma.

Tutti gli spettacoli avranno luogo nel pieno rispetto delle norme in vigore relative all’emergenza Covid.

 

Articoli più letti

Ultimi articoli