The news is by your side.

#Terremoto, Giuliani: attenzione massima per i prossimi giorni, valori del radon alti

33

L’Aquila. La commissione grandi lancia l’allarme. Questa volta la cosa è molto seria. L’attenzione si sposta al bacino idrico di Campotosto. Potrebbe verificarsi una sciagura simile al Vajont. Poi l’allarme rientra. Anzi no. Se la situazione è così forse occorre avvisare la popolazione. È questa in estrema sintesi la situazione di pericolo che stiamo vivendo in questi giorni. Il mutare delle condizioni meteo non fanno ben sperare per l’emergenza Abruzzo. Difficile fare chiarezza. In questi giorni abbiamo sentito molti autorevoli pareri su ciò che sta accadendo. Da Enzo boschi a Guido Bertolaso.

Con una nota, sulla pagina Facebook, anche Giampaolo Giuliani dice la sua: “L’attuale situazione che registriamo sulla nuova struttura del territorio tra Montereale, Campotosto, Aringo e Capitignano, mostra segni di continuità dell’’attività sismica iniziata il 24 Agosto 2106 e protrattasi fino ad oggi, senza particolari segnali di una mitigazione del rischio sismico. In qualche modo ciò che avevamo preventivato qualche mese fa, su queste stesse pagine. Tutta l’area interessata dai recenti accadimenti mostra la possibilità che possano innescarsi altre situazioni sulle fagliazioni dei territori limitrofi. Al momento il Bacino aquilano, confinante con le suddette faglie attive, risulta silente, nonostante la poca distanza. Un cratere lungo circa 70 km, dove gran parte delle popolazioni vivono con la sindrome del forte terremoto. La storia tramandata ci dice che, ciò che è già accaduto potrebbe ripetersi e, sicuramente tutto questo alimenta la paura. Torno su cose dette e ridette: prestare la massima attenzione all’evoluzione degli eventi. Attenzione all’incremento del numero di accadimenti giornalieri, al relativo grado sismico ed alla distribuzione degli eventi sul territorio. Conoscenza precisa delle abitazioni che ci ospitano. Conoscenza dei punti di sicurezza all’interno delle stesse. Kit di sopravvivenza a portata di mano. Telefoni e torce elettriche sempre carichi. Conoscenza dei punti di raccolta stabiliti dalle amministrazioni locali. Auto parcheggiate a distanza di sicurezza dagli edifici. Per quanti vivono nei MAP, Progetti case e strutture antisismiche, le stesse precauzioni in caso di eventi importanti, perché l’adrenalina che si produce durante un forte accadimento, induce spesso a dimenticare regole di sicurezza fondamentali. In questo momento l’analisi del trend dei flussi Radon mostra valori alti, anche intorno al 4° Richter. Ritengo comunque che la maggior parte delle persone siano in sicurezza, non fosse altro per l’apprensione indotta dagli accadimenti recenti. Se mi sono deciso a rilasciare questo commento, solo per l’insistenza sollecitata da centinaia di telefonate, ricevute negli ultimi 2 giorni. Comunque mi ripeto: attenzione massima per i prossimi giorni e vedrete che prima o poi tutto questo, presto avrà una fine.” @gianlucarubeo

Articoli più letti

Ultimi articoli