The news is by your side.

Telelaser sulla A24: 148 violazioni in un mese, scoperta Audi che sfrecciava a 230 chilometri orari

17

L’Aquila. Con il Telelaser sull’autostrada A24 tra San Gabriele-Colledara e la Barriera di Teramo, nel mese di ottobre sono state accertate 148 violazioni per eccesso di velocità, ritirate immediatamente sul posto 9 patenti e decurtati 493 punti dalle patenti: all’occhio elettronico non è sfuggita neanche una Audi A3 che sfrecciava a 230 chilometri orari. Sono alcuni dei dati forniti in una nota dalla Sottosezione Polizia Stradale di L’Aquila Ovest a consuntivo di una serie di servizi di controllo elettronico della velocità sulle carreggiate dell’autostrada A24 predisposti a seguito della Direttiva emanata il 21 luglio scorso dal ministro dell’Interno, Marco Minniti, per contrastare il fenomeno delle vittime sulle strade per incidenti stradali. Una misura adottata “per raggiungere l’obiettivo comunitario della riduzione del 50% del numero dei morti”.

Ad operare nel mese di ottobre gli agenti della Sottosezione Polizia Stradale diretti dal Comandate Sostituto Commissario Alberto Ravanetti in un servizio coordinato dalla Sezione Polizia Stradale di L’Aquila “con l’utilizzo del dispositivo telelaser ultralight con digicam, una tecnologia che consente di rilevare tutti i mezzi che superano il limite previsto di 130 chilometri orari in autostrada, rispettando le note del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e posizionandolo in modo ben visibile e segnalato secondo la normativa vigente”. “Sono allarmanti i dati forniti in materia di infortunistica stradale perché purtroppo non c’è stato un completo adeguamento nelle condotte di guida da parte degli utenti della strada, pertanto questo genere di servizi proseguiranno grazie a una precisa pianificazione finalizzata alla riduzione degli incidenti mortali, anche perché la Polizia stradale aderisce alla campagna europea ‘Tispol Speed’ per il contrasto all’alta velocità con controlli in contemporanea in tutti i Paesi”, riferisce una nota.

Articoli più letti

Ultimi articoli