The news is by your side.

Telecamere Mediaset ad Avezzano per raccontare la storia di Giovanni che vive in auto

11

Avezzano. La trasmissione televisiva Mattino Cinque, in diretta alle 9 da Avezzano, ha raccontatola questa mattina la storia di Giovanni, il 46enne che da quattro lunghissimi anni vive nella sua auto. Le telecamere del programma condotto da Federica Panicucci e Federico Novella puntate sul parcheggio avezzanese, a due passi dal Commissariato di Polizia, dal Teatro Dei Marsi e dalla stazione ferroviaria, crocevia di tanta umanità, Mattino 5dove l’uomo, quando ormai era rimasto con pochi affetti, senza una casa ne un lavoro, ha deciso di parcheggiare la sua piccola Volkswagen, unico tetto, dell’unica casa, si fa per dire, dove ha trascorso le nottate calde dell’estate e quelle gelide dell’inverno marsicano, dormendo sul sedile anteriore avvolto in un sacco a pelo. MarsicaLive più volte ha dato voce a questa dolorosa storia di emarginazione sociale. La diffusione mediatica è servita a sensibilizzare l’opinione pubblica. In tanti si sono impegnati per aiutare come potevano Giovanni. Soprattutto l’affetto di tante persone non è mancato in quest’ultimo anno. Non sono mancati vestiti, ogni tanto qualche pasto caldo, e qualche soldino per le piccole necessità del quotidiano vivere di un uomo che, da un giorno all’altro, ha visto la sua vita precipitare nel baratro dell’emarginazione. Serve di più per Giovanni, occorre aiutarlo a ricomporre i cocci del vaso della sua vita, andato in frantumi per chissà quali e quante circostanze. Bisogna dare a Giovanni gli strumenti per farlo. Bisogna aiutarlo ora. Amplifichiamo l’appello alle istituzioni, a chi dovrebbe trovare una soluzione. Basta! Passare e non vedere, basta! Far finta di non sentire il silenzioso urlo del disagio e della sofferenza. Non ha molte pretese Giovanni, non ne ha mai avute. Ha bisogno di una casa Giovanni, di un letto e di un pasto da consumare ogni giorno. Solo così potrà ritrovare la serenità necessaria per andare avanti, per procurarsi qualche lavoro, sia pur temporaneo, per poter vivere la sua vita e condividerla con i suoi due figli. Gianluca Rubeo

Articoli più letti

Ultimi articoli