The news is by your side.

Suonano Faccetta Nera in un locale a tutto volume, avvocato li riprende e viene aggredito

17

Vasto. Aggressione, “di stampo fascista”, e che ”non viene sottovalutata dalla polizia di Vasto”, come ha appreso l’Ansa, ieri sera in un locale pubblico in viale Dalmazia a Vasto Marina, quando delle casse acustiche diffondevano a tutto volume ‘Faccetta Nera’. A raccontare l’accaduto è Nicholas Tomeo, avvocato 31enne di Vasto, che ha affidato il racconto delle violenze subite a Facebook e che non è stato ancora ascoltato in Commissariato. “Ieri sera, mentre passeggiavo a Vasto Marina, ho sentito da lontano suonare ‘Faccetta nera’ a volume altissimo da un locale della zona. Mi sono avvicinato chiedendo di interrompere subito la musica. A quel punto, a quanto pare il titolare del locale, dopo aver finto tranquillità, sull’uscio della porta d’ingresso mi aggredisce colpendomi violentemente al volto”. L”aggressore sarebbe anche uscito dal locale “per continuarmi a provocare con saluti romani e gridando ‘A noi!’. La beffa inoltre è che il luogo dove si trova il locale, è un ex campo di internamento. Il che rende il tutto molto più grave”. Tomeo si è recato al pronto soccorso dell’ospedale di Vasto dove ha avuto 3 giorni di prognosi per trauma cranica e zigomale. Al momento non ha presentato ancora querela “sto valutando perché la mia vuole essere una
denuncia pubblica per rilanciare un’allerta sociale e politica, non di appartenenza. Queste cose non possono
essere più accettate nel 2018, la violenza fascista e razzista e per certi versi legittimata dai comportamenti del
governo, in tema di migranti. Quello che è accaduto ieri – dice all’Ansa – con il suono diffuso dagli amplificatori
in un luogo pubblico, è una musica violenta che rimanda a un periodo violento che a quanto pare non hanno
ancora dimenticato”. E ancora: “È necessaria una risposta antifascista e antirazzista che continui a costruire
vertenze sociali, culturali e politiche contro ogni razzismo e fascismo”. Il commissario Rosetta Di Santo al
momento sta raccogliendo tutti gli elementi utili. “Si è trattata di una lite, stiamo attenzionando l’episodio –
dichiara – che non viene assolutamente sottovalutato per stabilire eventuali provvedimenti”. Il titolare avrebbe
parlato di un momento goliardico durante una festa privata con il locale non aperto al pubblico.

Articoli più letti

Ultimi articoli