The news is by your side.

Successo per l’ottava edizione del Muntagninjazz Festival con 15 mila presenze

3

L’Aquila. Edizione con i fiocchi per il Muntagninjazz Festival 2014. Gremite le piazze di Introdacqua, Bugnara, Pratola, Campo di Giove, Prezza, Anversa, Roccaraso, Villalago e Barrea,che, dal 2 al 20 Agosto, hanno ospitato 19 concerti registrando 15 mila presenze. Labuona musica, proposta dalla manifestazione divenuta ormai fiore all’occhiello dell’estate del centro Abruzzo, ha unito il territorio. Riscontri positivi anche per le 4 escursioni nelle valli più suggestive del centro Abruzzo, dove i musicisti si sono esibiti immersi nella natura di fronte a molti turisti e ad un attento pubblico entusiasta. Nunnamed (1)ovità questa tesa apromuovere il territorio e a valorizzare le montagne abruzzesi. Dai paesaggi mozzafiato intorno al lago di San Domenico a Villalago agli splendidi scenari delle Gole del Sagittario di Anversa degli Abruzzi, dai sentieri incantevoli di Valle Paparesca nel territorio introdacquese ai panorami di Rifugio Castiglione nell’area prezzana.  Angoli del gusto per assaporare prodotti tipici locali, musica dai diversi generi per regalare momenti speciali, serate del grande Jazz per un numeroso pubblico e strepitosi concerti, in cui nomi illustri del panorama oltre i confini nazionali hanno richiamato tantissimi appassionati, amanti della buona musica, turisti e affezionati del Festival organizzato dall’associazione culturale Muntagninjazz. Spettacolo di spessore quello di Raphael Gualazzi, nella sua unica tappa abruzzese, che ha incantato un migliaio di spettatori presenti a Introdacqua il 17 Agosto. Applauditissimo Fabrizio Bosso, uno dei grandi trombettisti Jazz a livello internazionale che alla vigilia di Ferragosto si è esibito con l’orchestra di archi diretta dal maestro Stefano Fonzi, sul palco di piazza Susi a Introdacqua, creando atmosfere avvolgenti, come gli artisti di primo piano del Jazz,  Rosario Bonaccorso con il Travel Notes Quartet. Dall’esordio ad Introdacqua nel 2006, la prestigiosa manifestazione è cresciuta di anno in anno, ampliando il parterre di paesi partecipanti e mantenendo sempre alto il livello dei concerti.
“Siamo soddisfatti per la riuscita del Festival che si conferma un grande progetto che unisce il territorio con la musica di qualità” ha commentato il presidente dell’associazione culturale Muntagninjazz Valter Colasante  “Nonostante il freddo pungente abbiamo registrato un pubblico numeroso e il pienone nelle piazze dei 9 paesi. Un riscontro positivo, dunque” ha aggiunto Colasante “ una bella risposta è stata data dai turisti e dal territorio anche nelle escursioni sulle nostre bellissime montagne. Non solo appassionati di trekking,ma persone di tutte le età hanno partecipato, divertendosi tra natura e musica di livello, immersi nel verde. Lo scopo” ha precisato il presidente di Muntagninjazz “è far conoscere le nostre montagne e promuovere il territorio con le sue eccellenze. Per la prossima edizione aumenteremo il numero delle escursioni che hanno riscosso così tanto successo” ha annunciato Valter Colasante “Punteremo, inoltre, a coinvolgere sempre più paesi che si andranno ad aggiungere ai Comuni che hanno già riconfermato la loro adesione per l’edizione 2015. Un grazie va alle amministrazioni comunali e agli sponsor che hanno creduto in questo grande progetto che permette di fare rete tra i comuni del territorio”. Non dimentica in conclusione Colasante di ringraziare il popolo di Muntagninjazz “i tantissimi  volontari che hanno lavorato sodo per la riuscita del Festival”.

Articoli più letti

Ultimi articoli