The news is by your side.

Sindaci del comprensorio Sangro-Aventino chiedono la chiusura delle fabbriche di non prima necessità. Sindacati sostengono l’iniziativa

31

Chieti.  Fiom Cgil e Fim Cisl hanno espresso pieno appoggio con la richiesta dei 41 sindaci del comprensorio Sangro-Aventino di chiudere tutte le attività economiche e industriali che non producono beni di prima necessità. Misure più restrittive sono state infatti auspicate con un documento inviato al premier Giuseppe Conte e al presidente della Regione, Marco Marsilio.

“In questo momento difficile”, ha dichiarato Alfredo Fegatelli, segretario generale Fiom Chieti, “è giusta tale richiesta a difesa delle proprie comunità che iniziano a vedere i primi segnali di questo maledetto virus. È evidente che la situazione si ripercuote anche sui lavoratori residenti nei paesi. La prova evidente è stata quando in Sevel i sindacati hanno concordato con l’azienda che i lavoratori che non erano in condizione di recarsi al lavoro sarebbero stati coperti dalla cassa integrazione. Infatti, ieri oltre il 60% dei lavoratori Sevel non si è presentato al lavoro. In altre aziende, dove non è stato possibile questo percorso, sono stati dichiarati gli scioperi con alta adesione. Questa situazione, e
non solo, ha giustamente preoccupato i sindaci della Val di Sangro che stanno chiedendo con forza attraverso la Prefettura l’intervento del Governo a tutela delle comunità che rappresentano. Riteniamo importante questa presa di posizione dei sindaci e ricordiamo che se esistono i presupposti, gli stessi, coinvolgendo la Regione, possono percorrere la strada della quarantena nei propri comuni al fine di contribuire a limitare i movimenti e di conseguenza la diffusione del virus. La Fiom sarà a sostegno dei lavoratori e di quanti opereranno a difesa degli stessi e delle comunità in cui vivono”.

“Appoggia e sostiene l’iniziativa dei sindaci perché lasalute dei lavoratori e delle loro famiglie deve venire prima di qualsiasi interesse economico”, ha commentato la segreteria regionale Abruzzo – Molise della Fim Cisl. “Condividiamo le preoccupazioni dei 41 sindaci della Provincia di Chieti, dei sindaci di Teramo, L’Aquila e del Molise che hanno scritto ai Presidenti delle Regioni e al Presidente del Consiglio chiedendo la chiusura delle attività produttive non di prima necessità. Nelle aziende e sui mezzi di trasporto pubblico risulta difficile il rispetto dei decreti e ogni probabilità di contagio deve essere scongiurata in tutti i modi.”.

Articoli più letti

Ultimi articoli