The news is by your side.

Senza stipendi i dipendenti di Villa Letizia, i sindacati chiedono un incontro con prefetto e vertice dell’asl

21

L’Aquila. I dipendenti della casa di cura privata Villa Letizia dell’Aquila e della residenza sanitaria assistenziale di Villa Dorotea di Scoppito, che fanno capo al gruppo di proprietà
di Enrico Vittorini, non avranno lo stipendio di novembre e la tredicesima neppure a Capodanno.

La denuncia arriva dai segretari della FP CGIL della provincia dell’Aquila, Anthony Pasqualone, e della CISL FP, Maurizio Testone, in merito alla vertenza dei dipendenti della due strutture accreditate dal servizio sanitario nazionale dove lavorano oltre 300 persone. I due sindacalisti comunicano di “aver appena inoltrato alla Regione Abruzzo- Assessorato alla Sanità, al Direttore Generale della ASL 1 di Avezzano Sulmona L’Aquila e al Prefetto della provincia dell’Aquila, una richiesta di incontro urgente per un immediato intervento risolutivo.”

“Come preannunciato alla vigilia di Natale -spiegano in una nota i due -, le lavoratrici ed i lavoratori di Villa Letizia e della RSA di Villa Dorotea hanno trascorso queste festività senza poter festeggiare nulla a causa del mancato pagamento degli stipendi e della tredicesima mensilità e ciò nonostante gli stessi abbiano garantito l’erogazione di un servizio essenziale prestando cure ed attenzione h 24 a tutti coloro che di queste cure avevano bisogno. Ma più che bisogno, un diritto, è anche quello che lavoratrici e lavoratori – e le loro famiglie – hanno di veder loro retribuito in tempi certi il lavoro svolto al fine di poter trascorrere quanto più serenamente possibile le festività natalizie. Ad oggi nessuna retribuzione è stata ancora accreditata al personale delle due strutture sanitarie e ciò a causa di un ‘problema tecnico’. Non vorremmo che dopo il Natale trascorso in ristrettezze economiche le lavoratrici ed i lavoratori debbano continuare a stringere la cinghia anche a capodanno”.

I due sindacalisti sottolineano che “l’esasperazione del personale è arrivata al culmine e c’è già chi è in forte difficoltà non sapendo come poter reperire i soldi per potersi recare al lavoro. E’ inammissibile
che venga negato il diritto alla retribuzione a tutto quel al personale delle due strutture, che svolge il proprio lavoro con spirito di abnegazione e quotidiano impegno, situazione che assume una valenza ancor più drammatica in concomitanza con le festività natalizie durante le quali, notoriamente, vengono sostenute spese extra dalle famiglie”.

Articoli più letti

Ultimi articoli