The news is by your side.

Scuole, didattica a distanza fallimentare: inchiesta dell’Università di Teramo

57

Teramo. Da un’inchiesta che ha coinvolto anche l’Università di Teramo, fatta durante il periodo di lockdown, è emerso che la DaD, la didattica a distanza, non può sostituire quella in presenza e ha avuto un impatto negativo sulle condizioni di lavoro per la maggior parte degli intervistati. Per circa  due docenti su tre (64,7%) il carico di lavoro è aumentato in modo rilevante e l’aumento maggiore degli impegni ha riguardato le lavoratrici (con un incremento rilevante per il 67% delle docenti contro il 57% dei colleghi uomini).

I carichi di lavoro, in particolare, sono aumentati in misura maggiore tra chi aveva difficoltà di coordinamento con i dirigenti e con i colleghi rispetto a chi aveva avuto modo di costruire relazioni più cooperative per fronteggiare l’emergenza. Inoltre in poco più della metà dei casi (52,8%) la DaD è stata definita unilateralmente dal dirigente scolastico e dai suoi collaboratori e solo nel 62,5% dei casi sono state attivate delle iniziative di formazione per sostenere i docenti, con le carenze maggiori emerse tra i docenti della scuola primaria (il 44,5% non ha ricevuto una formazione specifica).

Più di 8 insegnanti intervistati su 10 (83,3%), poi, hanno usato per la Dad un proprio dispositivo, non condiviso con altri membri della famiglia e meno di un terzo degli insegnanti intervistati (30,4%) è riuscito a raggiungere con la Dad, tutti gli studenti della sua classe, soprattutto nel mezzogiorno dove la percentuale di insegnanti che ha dichiarato di riuscire a raggiungere tutti gli studenti della propria classe è stata del 24,2% nel Sud e 23,7% nelle Isole.

I dati saranno illustrati nella  loro interezza venerdì 23 ottobre da uno dei curatori dell’indagine, il professor Marcello Pedaci dell’Università di Teramo, presso la sede della Cgil.

Articoli più letti

Ultimi articoli