The news is by your side.

Rivoluzione nel sistema bibliotecario regionale: polo unico incentrato su 4 provinciali

5

L’Aquila. La Regione Abruzzo è pronta a costituire un Sistema bibliotecario incentrato sulle quattro biblioteche provinciali. Lo afferma il vicepresidente della Giunta regionale, Giovanni Lolli, chiarendo il concetto di “polo unico” e smentendo la notizia della costituzione di un’unica biblioteca regionale. Biblioteca Scienze Umane L'AquilaLe quattro biblioteche provinciali sulle quali si muoverà il futuro sistema regionale sono: la biblioteca “Angelo Camillo De Meis” di Chieti, la biblioteca “Salvatore Tommasi” dell’Aquila, la biblioteca “Gabriele D’Annunzio” di Pescara e la biblioteca “Melchiorre Delfico” di Teramo. “Per Sistema bibliotecario ­ chiarisce il Vicepresidente ­ si intende, quindi, il coordinamento dei servizi di più biblioteche dotate di specifico patrimonio librario e documentario, di amministrazione autonoma e di personale dedicato, con l’intento di attuare forme di cooperazione stabili e coordinate, finalizzate alla piena attuazione di tutti i compiti e i principi che le norme internazionali e nazionali affidano alle Biblioteche pubbliche. Un’impostazione di questo genere ­ prosegue ­ riconosce e valorizza l’identità storica, culturale, bibliografica, documentaria e civile delle quattro biblioteche provinciali”. Il discorso, come si legge in una nota diffusa dall’Ufficio Stampa, non è limitato solo alle quattro biblioteche sulle quali si andrà a costituire il Sistema bibliotecario abruzzese, ma “prevede l’adesione e il coinvolgimento di tutte le altre Biblioteche aventi sede nel territorio regionale e appartenenti ai Comuni e ad altre istituzioni pubbliche e private”. L’adesione al Sistema bibliotecario di altre biblioteche verrà poi regolato da specifiche convenzioni con la Regione. “Il Sistema ­ conclude Lolli ­ partecipa al Servizio bibliotecario nazionale (Sbn) attraverso la costituzione di un unico polo teso all’uniformità, alla razionalizzazione ed alla economicità dei servizi”.

Articoli più letti

Ultimi articoli