The news is by your side.

#Rigopiano, legale familiari: nell’omelia di monsignor Valentinetti non c’è la parola giustizia

5

Penne. “Cerimonia toccante, però resta l’amaro in bocca per non aver sentito pronunciare la parola giustizia”. Lo ha detto l’avvocato Romolo Reboa ­ legale di un superstite e i familiari di tre delle 29 vittime della slavina di Rigopiano, insieme con i legali Roberta Verginelli, Maurizio Sangermano e Gabriele Germano ­ a proposito della cerimonia in memoria delle vittime del resort svoltasi ieri nel palazzetto dello sport di Penne (Pescara) per iniziativa dell’Arcidiocesi di Pescara­Penne.

Circa duemila le persone presenti. “E’ stato come se chi celebrava ritenesse che le vittime sono state provocate dall’imponderabilità della natura”­, ha aggiunto Reboa, “riferendosi alle parole pronunciate dall’arcivescovo di Pescara Tommaso Valentinetti ­ e non dalla somma di umane responsabilità”.

Articoli più letti

Ultimi articoli