The news is by your side.

Riconoscimento giornalistico “Guido Carletti”, sabato 29 serata di premiazione

10

Montesilvano. Sabato 29 marzo con la serata di premiazione si conclude la quattordicesima edizione del premio giornalistico Guido Carletti – Città di Montesilvano. Appuntamento alle 17.30 presso la Sala Di Giacomo per la premiazione dei vincitori del premio giornalistico e la consegna delle Onorificenze. Apre la serata la consegna della Targa Onorifica 2014  assegnata dalla Camera di Commercio di Pescara a Enio Barbarossa, l’ideatore, fondatore e patron della catena Acqua & Sapone con la motivazione:“Il nuovo modo di intendere il business nell’azienda meglio organizzata d’Italia e in continua espansione” La seconda Onorificenza, il Trofeo per l’innovazione nella cultura voluto dalla Fondazione Pescarabruzzo, assegnata a Selene Biffi con la motivazione: “Per la creazione di The Qessa Academy a Kabul che, recuperando la tradizione orale afgana, insegna a ragazzi disoccupati a usare le storie per creare lavoro e sviluppo locale”. Si prosegue con i premi giornalistici carta stampata: il Premio Nazionale Giornalismo stampato assegnato ad Andrea Tarquini per Achtung Ungheria!  –  il Venerdì di Repubblica con la motivazione: “Achtung Ungheria! Un elegante pezzo di giornalismo che, oltre ad entrare nel cuore dell’informazione, è strumento di riflessione per chiedersi: è questa l’Europa che vogliamo ?” e la Menzione di Merito ad Antonella Luccitti de il Centro, votata all’unanimità dalla Giuria, con la motivazione:“Una giornalista capace di fare informazione con lucidità ed autorevolezza dell’essenziale”. Per il giornalismo radiotelevisivo, il  Premio speciale della giuria e La storia siamo noi – Rai 3 e Targa d’oro alla carriera a Giovanni Minoli,  ritira Rachele Bonanni, collaboratrice e autrice della trasmissione, attualmente editrice della trasmissione radiofonica Mix24 – Il sole 24 ore. A seguire la consegna della Benemerenza ad honorem della Città di Montesilvano, la Medaglia di bronzo a Martina Giangrande, figlia del carabiniere Giuseppe Giangrande ferito davanti a Palazzo Chigi e tutt’oggi ricoverato, con questa motivazione: “A Martina Giangrande, per la sua forza, la sua umanità e l’attaccamento ai valori  fondanti della famiglia che ne hanno fatto un esempio per le  tante donne che affrontano ogni giorno le battaglie della vita”. A conclusione della serata l’assegnazione del Calendrino 2014, simbolo dell’affermazione del principio della dignità umana uguale per tutti.

 download

Articoli più letti

Ultimi articoli