The news is by your side.

Riapre nel centro storico dell’Aquila il “Girone dei golosi”, la caffetteria in veste inedita e accattivante

4

L’Aquila. Un’altra attività torna nel centro storico dell’Aquila. Sabato 25 agosto, alle 19, in via dell’Arcivescovado 25, riaprirà al pubblico, in una veste inedita e accattivante, la caffetteria ristorante il “Girone dei golosi”. Il locale e i relativi arredi sono stati progettati e realizzati interamente da artisti abruzzesi. “Abbiamo voluto fortemente il ritorno in centro per contribuire alla rivitalizzazione sociale e ristorativa della città dell’Aquila e del suo cuore pulsante”, hanno dichiarato le proprietarie del Girone dei golosi, Raffaella Cimmino e Tiziana Picuti, “in quindici anni di attività abbiamo accolto e coccolato gli aquilani, con grande attenzione alla qualità e alla professionalità. Un ritorno in centro fortemente volute quanto sacrificati, dovendo riprogettare, per la terza volta in seguito al sisma del 2009, uno spazio che fosse accogliente e potesse garantire l’ospitalità dei clienti con proposte culinarie tradizionali, basate esclusivamente su prodotti stagionali legati al territorio”. Il progetto è stato curato dall’architetto aquilano, Giuseppe Cimmino, con la collaborazione dell’architetto, Silvia Ricci: “Il Girone dei golosi è stato uno dei primi ristoranti che ho realizzato, in città, nel lontano 2005: l’unica attività che ho riprogettato per ben tre volte, sempre cercando di mantenere uno stile esclusivo, offrendo uno spazio nuovo, comodo, fruibile e genuino, come nella tradizione culinaria che il ristorante propone. Per il ritorno in centro”, prosegue Cimmino, “abbiamo voluto creare uno spazio del tutto diverso, contaminato da arte e design, che si propone in un colore nuovo: il verde petrolio, sinonimo di speranza”. Il Girone dei golosi si presenta come un caffè artistico, con la presenza di quattro quadri appositamente realizzati dall’artista Srek (Stefano Cencioni), ispirati al Girone dei Golosi, nel Sesto canto dell’Inferno di Dante dove i dannati, sommersi dalla fanghiglia, vengono graffiati da Cerbero, mostro a tre teste. “Un’ispirazione”, aggiunge Cimmino, “data proprio dal cammino del Girone dei golosi che prosegue e si trasforma in realtà, con la speranza della rinascita che si concretizza nel ritorno in centro storico, a quasi dieci anni dal sisma”.

Articoli più letti

Ultimi articoli