The news is by your side.

Prati di Tivo, l’opposizione lancia l’allarme: impianti ancora fermi, a rischio la stagione estiva

L'opposizione attacca il "disinteresse" del centrodestra, della regione e della provincia

93

Prati di Tivo. “Siamo arrivati a metà giugno, la stagione turistica estiva è già partita da alcune settimane”, dichiara Sandro Mariani, Capogruppo di “Abruzzo in Comune” in Consiglio Regionale, “ma non c’è ancora nessuna notizia sulla riapertura degli impianti di risalita a Prati di Tivo, con buona pace degli operatori economici del territorio abbandonati a sé stessi dalle istituzioni locali, provinciali e regionali”. Questa purtroppo la situazione a dieci giorni dalla Commissione di Vigilanza che lui stesso aveva richiesto per parlare della situazione degli impianti di risalita di Prati di Tivo e Prato Selva andata purtroppo “deserta” a causa dell’assenza del governo regionale di centrodestra e della Provincia di Teramo.

“Giovedì prossimo la Commissione tornerà a riunirsi, ma al netto delle indiscrezioni che si rincorrono l’unica certezza è che la stagione turistica estiva è già partita, ma non vi è alcuna traccia della  riapertura della seggio-cabinovia di Prati di Tivo con tutto ciò che ne consegue per il territorio, per gli operatori economici e per la montagna teramana”, aggiunge il Consigliere Regionale, “è drammatico constatare poi, oltre all’assenza e al totale disinteresse di Regione Abruzzo e Provincia di Teramo, entrambe a guida centrodestra, il totale disinteresse del Sindaco di Pietracamela Michele Petraccia che non solo continua a ‘latitare’ su questa vicenda, ma che addirittura non da alcun segnale o riscontro al suo territorio, quasi avesse timore di “disturbare” le faide interne al centrodestra abruzzese, temendo forse ritorsioni in vista delle imminenti elezioni amministrative nel suo Comune”.

“Peccato che, dinanzi a questo immobilismo e disinteresse del centrodestra regionale, provinciale e comunale, a rimetterci sono gli operatori economici di Prati di Tivo, che iniziano seriamente a temere una stagione turistica estiva con gli impianti fermi al palo per colpa dell’inerzia politica di chi questo problema avrebbe dovuto risolverlo” dichiara in conclusione Mariani.

Articoli più letti

Ultimi articoli