The news is by your side.

Polizia penitenziaria, sindacati: “Dopo le camere dell’amore nelle carceri, ora si pensi alle caserme”

524

L’Aquila. “Dopo la notizia appresa dagli organi di stampa dello stanziamento di 28 milioni di euro per l’implementazione delle così dette camere dell’amore, cresce sempre più la rabbia di non veder raccolto l’invito avanzato in tempi non sospetti dalla UIL di realizzare due nuove caserme riservate agli agenti della Polizia Penitenziaria in quel delle carceri di L’Aquila e Avezzano”.

Ad affermarlo sono il segretario regionale Mauro Nardella e il segretario Provinciale dell’Aquila Cristiano Laurenti della UIL PA Polizia Penitenziaria.

“Noi non contestiamo la scelta fatta di riservare parte dei fondi ricavati dalla tassazione degli italiani per la realizzazione di alcove riservate ai detenuti ( la responsabilità delle scelte fatte dai parlamentari la demandiamo agli elettori) ma la mancanza di attenzione nei confronti dei baschi blu per ciò che attiene, tra le tante cose, la mancanza di una caserma agenti adeguata ai bisogni dei pendolari”. Sottolineano i due dirigenti della UIL, “lo stiamo dicendo da anni e non ci stancheremo di farlo fino a quando non otterremo risposte. La mancanza di posti per favorire il pernottamento degli agenti oltre ad essere foriero di malcontento tra gli stessi non favorisce due determinanti cose: l’invio in missione in caso di necessità di agenti se non al costo di somme esorbitanti da mettere in conto per l’occupazione di camere alberghiere, e il depotenziamento degli istituti di pena in quanto non avere a disposizione agenti di notte accessibili direttamente dalle caserme insistenti negli istituti potrebbe non consentire un adeguato pronto intervento in caso di emergenza”, Precisano Nardella e Laurenti. “Un miglior trattamento umano della pena, al quale la UIL non si contrappone ( ammesso e non concesso che l’umanizzazione sia accondiscendenza di ogni richiesta), non può non prevedere un miglior trattamento anche nei confronti di chi la pena la gestisce attraverso il suo lavoro”. Continuano i due rappresentanti sindacali.

“Chiediamo quindi sia agli amministratori competenti che ai parlamentari preposti al reperimento delle somme (così come fatto per le camere dell’amore) di farsi carico delle richieste avanzate e favorire, quindi, l’implementazione di due nuove caserme agenti per le carceri in questione”.

Articoli più letti

Ultimi articoli