The news is by your side.

Pittrice scomparsa: rinvenuto un cadavere. Testimone a Quarto Grado: ‘vista alle 17’

7

Giulianova. Una testimone avrebbe visto Renata Rapposelli, la pittrice anconetana di 64 anni della quale si sono perse le tracce dal 9 ottobre scorso, il giorno stesso della scomparsa, intorno alle 17, a Tortoreto Lido. La circostanza è stata riferita da Quarto Grado, che nella puntata di ieri ha fornito un aggiornamento sul caso. Secondo la testimone, l’addetta di una farmacia, la donna si sarebbe recata nel negozio chiedendo un medicinale. La negoziante sarebbe stata ascoltata dai carabinieri la mattina di venerdì 10 novembre. I militari avrebbero anche chiesto le immagini delle telecamere di sorveglianza presenti nei pressi della farmacia, ma i filmati non sono più disponibili visto che la denuncia è stata presentata solo il 16 ottobre. Giuseppe e Simone Santoleri, rispettivamente ex marito e figlio della donna scomparsa – attualmente indagati per omicidio in concorso e occultamento di cadavere – hanno raccontato che Renata avrebbe preso il treno che arriva alle 13.05 a Giulianova. Dopo pochi minuti sarebbe arrivata a casa dei due uomini: lì avrebbe trascorso circa 15-20 minuti, dopodiché Giuseppe – secondo la loro versione dei fatti – l’avrebbe accompagnata a Loreto, su richiesta della donna che voleva andare a pregare al Santuario della città mariana. Giuseppe Santoleri aveva anche aggiunto di non aver imboccato l’autostrada, ma di aver scelto la strada statale, percorrendo la quale occorrono circa due ore per arrivare ad Ancona.

Impossibile, per ora, fare un qualche accostamento tra la donna rinvenuta cadavere in un campo nelle vicinanze del greto del fiume Chienti, a Tolentino, e Renata Rapposelli, la pittrice anconetana di 64 anni scomparsa il 9 ottobre scorso, dopo essere stata riaccompagnata nei pressi di Loreto dall’ex marito Giuseppe Santoleri, indagato con il figlio Simone per omicidio in concorso e occultamento di cadavere. E’ quanto affermano i carabinieri, che questa mattina hanno recuperato il corpo, in avanzato stato di decomposizione e ricoperto di fango. L’unica certezza, ripetono, è che si tratti di una donna. I vestiti, anch’essi decomposti, non sono per il momento confrontabili con quelli indossati dalla pittrice. Un campione dei tessuti, comunque, è stato acquisito per gli accertamenti, come pure, ovviamente un campione del dna. Ai piedi, la donna ritrovata calzava scarpe sportive. Il luogo del rinvenimento è peraltro distante dalla statale 16 che l’ex marito della pittrice dice di aver percorso fino a Loreto. Per raggiungere Tolentino, la strada ‘naturale’ è da Civitanova Marche verso l’interno.

Articoli più letti

Ultimi articoli