The news is by your side.

Pescara, circa 700 contribuenti saranno rimborsati delle imposte pagate e non dovute

17

Pescara. Negli ultimi 5 anni circa 700 pescaresi hanno versato alle casse del comune più tasse del dovuto. Ma niente paura, nonostante le difficoltà economiche, il comune è pronto a restituire quanto dovuto ai contribuenti. In bilancio sono stati già stanziati 325mila euro per procedere alla restituzione di somme versate in eccedenza, rispetto al dovuto, per quanto riguarda Imu, Tasi e Tari. f24 tasi tari imuPotranno ottenere il rimborso tutti quei contribuenti che si sono accorti di aver pagato, dal 2010 ad oggi, tasse non dovute, oppure in misura superiore a quanto richiesto. Si tratta di contribuenti che hanno sbagliato a calcolare le imposte, oppure che hanno pagato nonostante fosse nel frattempo variata la loro situazione familiare o patrimoniale al punto da determinare importi più bassi. Nell’elenco figura anche qualche cittadino che, per errore, ha versato due volte lo stesso tributo. I rimborsi riguardano sia le imposte sugli immobili, cioè Ici, Imu e Tasi, sia la tassa sui rifiuti, ossia la Tarsu, prima, la Tares, poi, e ora la Tari. Verranno prese in considerazione, comunque, le imposte pagate negli ultimi cinque anni. Dovranno essere gli stessi contribuenti, essendosi accorti di un errore per eccesso, a richiedere all’ente il maltolto. “Non siamo in grado di verificare le somme pagate in più per Ici, Imu e Tasi”, hanno fatto presente i tecnici, “perché si tratta di due imposte versate in autoliquidazione”. Meno complicato risalire all’errore con la tassa sui rifiuti, ma anche in questo caso l’individuazione dello sbaglio non è cosa facile, perché il Comune dovrebbe spulciare un lunghissimo elenco di 60mila contribuenti. I contribuenti che si sono accorti di aver pagato in eccedenza un’imposta, dovranno recarsi all’Ufficio tributi del Comune per compilare una domanda di restituzione. Questa verrà poi esaminata dai tecnici prima di dare il via libera al pagamento. Pagamento che avverrà tramite bonifico sul proprio conto corrente bancario o, in alternativa, tramite assegno circolare.  L’amministrazione comunale, oltre ai 325mila euro in bilancio, ha stanziato anche 12mila euro per procedere al rimborso della Tari pagata in più nel 2014 da tre contribuenti. Questi cittadini avevano fatto ricorso contro il Comune per ottenere la restituzione delle somme versate in eccedenza e la Commissione tributaria regionale ha accolto il ricorso, condannando l’ente a rimborsarli.

Articoli più letti

Ultimi articoli