The news is by your side.

Perseguita la ex e le fa oltre 100 chiamate al giorno, scatta il divieto di avvicinamento

123

Chieti. Non ha accettato la fine della loro relazione, durata 7 mesi, e per convincerla a riallacciare i rapporti ha attuato una sistematica attività di persecuzione nei confronti non solo della ragazza ma anche dei suoi genitori e della sorella nonché dei suoi compagni di scuola.

Atti persecutori sono consistiti in decine di messaggi, sia sms che vocali, nonché videochiamate effettuate quotidianamente, in pedinamenti nei confronti della ragazza e dei suoi familiari, anche nei luoghi di lavoro di questi ultimi.

Per questo motivo nei confronti di uno studente di Lanciano di 19 anni il Gip del Tribunale di Chieti, su richiesta del sostituto procuratore della repubblica Marika Ponziani ha disposto il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla giovane vittima, che è di Chieti, con obbligo di mantenersi da essi ad una distanza di almeno 300 metri, e ha
disposto anche il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dai familiari della ragazza.

Dopo il blocco delle telefonate attivato della vittima, l’ex fidanzato ha iniziato a fare continue telefonate anonime arrivando a superare le cento telefonate al giorno.

L’attività persecutoria è stata attuata anche tramite messaggi telefonici inviati di notte ad una insegnante della giovane per convincerla a leggere in aula una poesia d’amore dedicata alla ragazza.

L’indagine è stata condotta dalla Seconda Sezione della Squadra Mobile della Questura di Chieti specializzata per i reati contro la persona, in particolare per violenze di genere ed in danno di minori, ed ha permesso di ricostruire tutti gli episodi riferiti dalla vittima e dai suoi familiari ricostruendo gli spostamenti e del giovane da Lanciano a Chieti ed anche in provincia di Pescara dove la ragazza si era recata in talune occasioni con la sua famiglia.

Articoli più letti

Ultimi articoli