The news is by your side.

Paziente rifiutata perché “troppo grassa”, oggi la visita al Consultorio di Chieti. E intanto si attendono sanzioni

3

Chieti. È stata accolta stamattina nel Consultorio di Chieti, sottoposta a visita e agli esami strumentali necessari la ragazza che, nei giorni scorsi, aveva chiamato i Carabinieri riferendo che una ginecologa, medico specialista ambulatoriale convenzionato con la Asl, si sarebbe rifiutata di visitarla perché la riteneva “troppo grassa”. Lo fa sapere, con una nota, la Asl Lanciano Vasto Chieti, ricordando che l’episodio è stato riportato con grande evidenza dagli organi di informazione. Il personale del Consultorio, si legge, “era comunque subito intervenuto per gestire la situazione, dandole sostegno psicologico e fissandole un nuovo appuntamento con un altro specialista”. Questa mattina la paziente è stata visitata da una ginecologa strutturata del Consultorio, dipendente Asl, che l’ha sottoposta agli accertamenti necessari e, informa la nota, “le ha dato appuntamento per un nuovo incontro a fine agosto”.

La paziente, riferiscono dall’unità operativa di Assistenza consultoriale della Asl, “è stata presa in carico con la professionalità, la delicatezza e la riservatezza che il nostro servizio garantisce sempre con il proprio personale. Ogni giorno assistiamo con identico atteggiamento tutte le donne che si rivolgono alla nostra struttura, a prescindere da età, condizione sociale, provenienza. Vorremmo rassicurare tutte le donne sulla qualità del servizio offerto e che continueremo a garantire in futuro. Un singolo episodio, del quale ci rammarichiamo e su cui faremo le opportune verifiche e valutazioni, non deve in alcun modo far venire meno la tranquillità e fiducia delle nostre pazienti”. La Direzione sanitaria della Asl Lanciano Vasto Chieti, conclude la nota, ha sollecitato subito una relazione alla responsabile del servizio per accertare come si sono svolti i fatti e, qualora fosse confermata la versione emersa in questi giorni, avviare le procedure sanzionatorie previste dalle leggi.

Articoli più letti

Ultimi articoli