The news is by your side.

Paziente morì per diagnosi tardiva, medico di pronto soccorso assolto dall’accusa di omicidio

4

Chieti. Il giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Chieti ha assolto perché il fatto non sussiste Anna Bucci, 48 anni,medico del pronto soccorso dell’ospedale di Chieti. La donna, processata con il rito abbreviato e assistita dall’avvocato Vittorio Supino, era accusata di omicidio colposo in relazione alla morte di un uomo di 49 anni. La sentenza è stata pronunciata ieri in serata. I fatti risalgono a luglio del 2014, l’indagine prese le mosse dalla denuncia querela presentata dai familiari dell’uomo che, una volta in ospedale, secondo l’accusa fu vittima delle conseguenze di una diagnosi tardiva ovvero della perforazione del diverticolo che comportò la compromissione generale delle condizioni cliniche e il decesso.

Secondo la difesa è stata decisiva la consulenza di parte redatta dal prof. Ildo Polidoro ed è stata riconosciuta la mancanza del nesso
causale. I familiari, dalla cui querela prese il via l’indagine, si erano costituiti parte civile assistiti dagli avvocati Marco Femminella e Giulio Fierini.

Articoli più letti

Ultimi articoli