The news is by your side.

Parroco chiede solo soldi di carta in offerta durante le Comunioni, la perplessità dei fedeli

167

offerte chiesa parrocoAteleta. Chiesa gremita, celebrazione delle prime comunioni, clima di gioia e fedeli rivestiti a festa. Poi il prologo del parroco prima dell’inizio dell’interminabile funzione religiosa e la richiesta di mettere nella bussola soltanto soldi di carta. E’ accaduto nel ridente comune di Ateleta, in provincia dell’Aquila,  1200 anime, gente solare, umile, lavoratori. La solenne cerimonia era nella chiesa di San Gioacchino e a celebrarla lo storico parroco  don Nicola Perella. Prima della messa delle 11.30, terminata abbondantemente dopo l’una,  arrivano le raccomandazioni del celebrante, come quella di spegnere i cellulari, di non scattare le foto e di evitare un viavai tra dentro e fuori durante la celebrazione. Fin qui tutto normale, ma quando il parroco ha parlato delle offerte molti fedeli sono saltati sui banchi. In particolare, ha invitato a mettere “solo soldi di carta” nella bussola durante l’offertorio. In molti non hanno capito il tono in parte scherzoso (in parte no) del sacerdote che ha sottolineato come le offerte fossero destinate alla “Giornata per la carità del Papa” per contribuire alle opere di misericordia di Papa Francesco. Ma il fatto che i soldi non fossero destinati alla parrocchia, ma a opere di carità della Chiesa non ha impedito a molti fedeli presenti di storcere il naso.  Tanto che qualcuno si è risentito dell’insolita richiesta. L’effetto è stato duplice e contrapposto. Molti fedeli hanno messo nella bussola soldi di carta, soprattutto 5 euro, altri invece si sono astenuti dal dare un’offerta, forse stizziti dallo scatto in avanti del religioso. Ci sarebbe stata anche una donna anziana che ha messo sì una banconota di carta, ma ha ripreso indietro il resto. Insomma, la richiesta del celebrante qualche effetto l’ha avuto. Tutti descrivono il sacerdote come un parroco attento e premuroso, ma stavolta don Nicola, con una richiesta un po’ sopra le righe, è stato forse frainteso dai suoi parrocchiani. Sicuramente la prossima volta prima di dare indicazioni su quanto donare ci penserà su due volte e di certo lascerà libertà di offrire quello che si può, e soprattutto quello che si ha.

 

Articoli più letti

Ultimi articoli