The news is by your side.

Oggi Karol Wojtyla avrebbe compiuto 101 anni, il papa che tanto amava l’Abruzzo

313

L’Aquila. Avrebbe compiuto oggi 101 anni Karol Wojtyla, il papa che tanto amava l’Abruzzo.

Giovanni Paolo II, primo pontefice non italiano dopo oltre quattro secoli e figlio della Polonia, amava il Gran Sasso d’Italia, forse perché  gli ricordava i Monti Tatra, in Polonia, e gli anni della sua giovinezza.

Ha visitato la terra d’Abruzzo ben 134 volte nel corso del suo pontificato.  Proprio alle pendici del Gran Sasso, è sorto il primo Santuario europeo in suo nome: la Chiesa di origini medievali di San Pietro della Ienca, che dal 2011 è dedicata a Giovanni Paolo II.

I suoi 104 viaggi in tutto il mondo videro la partecipazione di enormi folle (tra le più grandi mai riunite per eventi a carattere religioso). Con questi viaggi apostolici, Giovanni Paolo II coprì una distanza molto maggiore di quella coperta da tutti gli altri papi messi assieme. Questa grande attività di contatto (anche con le generazioni più giovani, con la creazione delle Giornate mondiali della gioventù) fu da molti interpretata come segno di una seria intenzione di costruire un ponte di relazioni tra nazioni e religioni diverse, nel segno dell’ecumenismo, che era stato uno dei punti fermi del suo papato.

Sul piano dei rapporti con l’Italia, i viaggi sottolinearono l’intenzione di separare l’aspetto politico da quello religioso, come il pontefice stesso tenne a sottolineare, due anni dopo la revisione del Patti Lateranensi, nel 1986, a Forlì, ricordando che il precedente papa a visitare quella città era stato Pio IX, in veste anche di capo di Stato: “Da allora, la situazione politica è profondamente mutata, ed è stata come tale ufficialmente riconosciuta dalla Chiesa”.

Papa Wojtyła beatificò e canonizzò, anche se è difficile provarlo poiché i documenti relativi a molte delle prime canonizzazioni sono incompleti, mancanti o poco accurati, molte più persone di ogni altro pontefice, grazie anche all’abolizione, da parte sua, dell’ufficio di Promotor Fidei (Promotore della Fede, noto anche come avvocato del Diavolo), rendendo così più scorrevole tale processo: le persone da lui beatificate furono 1338 e quelle canonizzate 482, mentre i predecessori nell’arco dei quattro secoli precedenti avevano proclamato soltanto 300 santi.

Fu detto “l’atleta di Dio” per le sue varie passioni sportive: praticò sci, nuoto, canottaggio, calcio e fu amante della montagna, continuando a praticare sport finché la salute glielo permise.

Articoli più letti

Ultimi articoli