The news is by your side.

“Non è festa senza lavoro”: FdI scende in piazza con un flashmob per “l’Italia che chiede di lavorare”

La manifestazione domani, 1 maggio, in piazza Duomo alle 20

25
Foto d’archivio

L’Aquila. “Non è festa senza lavoro”: sarà questo lo slogan del flashmob che verrà promosso il primo Maggio in tutti i centri storici e capoluoghi di provincia italiani da Fratelli d’Italia. L’iniziativa, che all’Aquila si svolgerà alle  20 in Piazza Duomo, vedrà mobilitati i militanti di Fratelli d’Italia che esprimeranno solidarietà nei confronti di tutte quelle attività chiuse a causa delle restrizioni adottate dal governo per il contrasto della pandemia.

“Vogliamo indirizzare un chiaro messaggio al governo, ribadendo la nostra apprensione per le sorti dell’Italia che lavora e produce”, sostiene il referente provinciale del dipartimento lavoro Fdi Piero Peretti, “questa sarà l’occasione per tornare ad invocare: l’abolizione del coprifuoco, una misura insensata che sta ammazzando la nostra economia; minori restrizioni nelle zone gialle, che consentano ai nostri imprenditori di lavorare, e ristori veri che permettano di limitare al massimo i danni causati dal covid, che ad oggi stanno pesando principalmente su alcuni settori, dalla ristorazione al commercio, dal turismo allo sport, dalla cultura all’intrattenimento”.

“Dopo più di un anno di bollettini sui contagi vorremmo che il governo iniziasse ad analizzare anche altri dati, quelli che riguardano il mondo del lavoro e l’economia italiana: dai 945mila occupati in meno, con 717.000 cittadini inattivi, dall’inizio della pandemia, ai 402.000 posti di lavoro al femminile persi in Italia, maglia nera per l’occupazione in rosa rispetto alla media europea”. E ancora: “vorremmo si parlasse poi delle 390.000 imprese del commercio non alimentare chiuse definitivamente, di quel 66,5% di imprese che operano nella ristorazione che sono oggi a rischio chiusura, di un turismo al collasso con 219 milioni di visitatori in meno nel 2020 rispetto all’anno precedente”.

“Abbiamo scelto un titolo forte per la nostra iniziativa, ‘Non è festa senza lavoro’, perché la Festa dei lavoratori di quest’anno non potrà non parlare il linguaggio di chi è stato privato con decreto dal governo della possibilità di lavorare. C’è infatti un’Italia che chiede solamente di poter tornare a lavorare, in sicurezza, con regole chiare e sensate, superando un assurdo coprifuoco e potendo contare su ristori equi, che tengano conto di quanto effettivamente hanno pesato la pandemia e le restrizioni sull’economia reale”, conclude Peretti, “Fratelli d’Italia è con loro, l’unico partito che da inizio pandemia sta difendendo con determinazione e coerenza gli interessi delle imprese, delle partite IVA e dei lavoratori italiani”.

 

Articoli più letti

Ultimi articoli