The news is by your side.

No a chiusura di estetisti e parrucchieri, Confesercenti: deleterio per settore e favore ad abusivismo

37
Avezzano. Nessuna chiusura per le attività di parrucchieri ed estetisti nel nuovo Dpcm a firma del premier Conte, presentato ieri sera in conferenza stampa.
“Pericolo scampato”, commentano Filiberto Figliolini ed Arianna Pulsoni, rispettivamente responsabili regionali di Confesercenti Immagine e Benessere, “per fortuna le indiscrezioni circolate nei giorni scorsi, circa la possibile chiusura delle attività di acconciatura ed estetica, sono state smentite. Nel decreto del presidente del consiglio dei ministri non vi sono provvedimenti restrittivi per le nostre attività”.
“Non appena si era paventata l’ipotesi di nuove chiusure”, sottolineano Figliolini e Pulsoni, “la nostra associazione aveva espresso la sua contrarietà. Le imprese del nostro settore, duramente colpite dal lockdown, hanno dimostrato quotidianamente di operare rispettando con rigore tutte le norme ed i protocolli di sicurezza e nuove restrizioni avrebbero rappresentato un colpo mortale per la categoria ed un favore agli abusivi che, come già più volte da noi denunciato, in una situazione come quella attuale sono addirittura aumentati mettendo ancor più a rischio la salute dei cittadini e la tenuta delle imprese regolari”.
“Da quando abbiamo riaperto”, precisano i responsabili di Confesercenti Immagine e Benessere, “nella Marsica non c’è stato un solo caso di contagio partito da nostri saloni. Siamo attenti alla pulizia ed alla sanificazione dei locaIi, ad evitare qualsiasi assembramento, lavorando solo con la prenotazione, esigiamo il rispetto delle regole, sia dai nostri collaboratori che dai clienti”.
Filiberto Figliolini che, oltre ad occuparsi della categoria a livello locale è anche responsabile Nazionale degli Acconciatori di Confesercenti Immagine e Benessere, ha sentito i colleghi che operano nelle varie parti d’Italia ci tiene a sottolineare che “il protocollo per il settore benessere e cura della persona ha funzionato, dimostrando di essere applicabile e molto efficace, contribuendo a far sì che siano stati contenuti al massimo i contagi nei saloni, sia tra i titolari e collaboratori, che tra i clienti. Ovviamente”, concludono Figliolini e Pulsoni, “la situazione resta preoccupante. Tutte le attività, dei diversi settori, sono a forte rischio. Un nuovo lockdown porterebbe alla chiusura di moltissime imprese. Per questo ci rivolgiamo ai nostri colleghi, acconciatori, barbieri ed estetiste: non disperdiamo i sacrifici fatti finora, il comportamento responsabile di ciascuno di noi è l’unica garanzia che abbiamo per sperare di proseguire nel nostro lavoro. Rispettiamo regole e protocolli, è il momento di fare squadra ed avere comportamenti responsabili. Il nostro futuro dipende anche da noi”.

Articoli più letti

Ultimi articoli