The news is by your side.

Minorenne costretta a subire abusi sessuali e violenze, in manette due cittadini stranieri

La madre sarebbe stata complice dei maltrattamenti che avvenivano in sua assenza

3

L’Aquila. Nella mattinata di ieri personale della Squadra Mobile – III° sezione reati contro la persona – ha eseguito la misura cautelare in carcere a carico di un  cittadino romeno, 45enne, e la misura degli arresti domiciliari nei confronti della compagna, cittadina moldava 44enne, entrambi residenti a L’Aquila, responsabili dei reati di: violenza sessuale in concorso e continuato,  maltrattamenti in famiglia in concorso, violenza privata continuata e mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice in concorso, in danno della figlia, minorenne, della donna. I provvedimenti sono stati emessi dal GIP del Tribunale di L’Aquila, Mario Cervellino, su richiesta del Sostituto Procuratore, Guido Cocco, al temine dell’attività di indagine avviata dalla Squadra Mobile del capoluogo che ha permesso di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico dei due.  Un lungo incubo durato circa due anni, quello vissuto dalla minore, all’epoca 12enne, costretta a subire abusi sessuali e violenze da parte dei due arrestati, in un degradante contesto familiare.

L’uomo ricorreva a minacce e violenze per costringere la minore a subire i rapporti sessuali e la madre sarebbe stata complice, in più occasioni, di maltrattamenti e responsabile di atteggiamenti omissivi in merito agli abusi sessuali che avvenivano in casa  mentre lei era assente. A causa di continui maltrattamenti, di frequenti e violenti litigi dei due adulti, spesso in palese stato di ubriachezza, dinanzi alle figlie minori, già nel novembre 2017, il Tribunale per i minorenni sospendeva la potestà genitoriale e  la 12enne, insieme alla sorellina più piccola, veniva allontanata da casa ed affidata ai servizi sociali. Proprio durante il periodo di affidamento,  la vittima riferiva, nel corso di un colloquio con la psicologa, gli abusi subiti dal patrigno, che venivano comunicati al personale della  Squadra Mobile.  La relazione della psicologa in ordine alle dichiarazioni della minore, la raccolta di numerose testimonianze, le operazioni tecniche operate dagli investigatori della Squadra Mobile, hanno permesso di costituire un completo quadro accusatorio, pienamente condiviso dal Pubblico Ministero, che  hanno portato all’esecuzione delle misure cautelari.

Articoli più letti

Ultimi articoli