The news is by your side.

Megalò 2 attende solo il parere della Regione legato al rischio idraulico dell’opera

9

Chieti. Sette edifici commerciali, parcheggi e aree verdi in 30mila metri quadrati. E’ il nuovo colosso commerciale Megalò 2, che viaggia di pari passo con la messa in sicurezza del fiume Pescara, e sta per ricevere il parere di valutazione ambientale dalla Regione Abruzzo. progetto-megalo-dueCome riporta Il Centro l’intervento, proposto dalla società Sirecc e alla quale sta subentrando la Sile Costruzioni srl, all’inizio prevedeva anche un hotel a nove piani, ma il progetto è stato stralciato, è stata presentata infatti una modifica planimetrica che ha portato da 30mila metri quadrati a 24mila la superficie che verrà edificata. L’area individuata per la realizzazione parte dalla fine del parcheggio del centro commerciale esistente e si estende per il 60% nel territorio comunale di Chieti e per il restante 40% in quello di Cepagatti, ben collegata sia con l’asse attrezzato Chieti – Pescara sia con il casello autostradale A25.

Il nodo del nuovo progetto, criticato dalle associazioni ambientaliste, è legato al rischio idraulico, per questo la realizzazione di Megalò 2 dovrà andare di pari passo con una serie di opere di messa in sicurezza dell’ansa del fiume Pescara a cominciare dal completamento dell’argine e dall’innalzamento di quello esistente. Nel dicembre del 2013 le acque del Pescara arrivarono a lambire il parcheggio del Megalò, tanto che il sindaco di Chieti ne ordinò la chiusura.

 

 

Articoli più letti

Ultimi articoli