The news is by your side.

Manichini chiedono l’elemosina, protesta di Casapound contro la crisi del commercio

1

Lanciano. Manichini di negozianti che chiedono l’elemosina posti in vari punti della città. E’ questa la protesta messa in atto da CasaPound Italia per segnalare la situazione di estremo disagio che i titolari di attività economiche cittadine si trovano a vivere, dopo che l’ennesimo locale si è trovato a dover chiudere per l’eccessiva pressione fiscale. “Con questa azione abbiamo voluto portare all’attenzione come la miopia della giunta Pupillo stia portando al collasso il commercio cittadino – afferma in una nota Nico Barone, responsabile CasaPound per la città di Lanciano – La pressione delle imposte locali, che si aggiungono a quelle nazionali già altissime, spinge locali che godono anche di una solida clientela alla chiusura, quindi ci chiediamo come sia possibile che la politica locale non si interessi a questa evidente e drammatica situazione”. “E’ evidente – prosegue Barone – come sia necessaria una immediata inversione di rotta, per evitare altre chiusure con le conseguenti ripercussioni sul tessuto economico e sociale cittadino, già provato da anni di crisi: chiediamo quindi immediati provvedimenti per l’abbattimento delle imposte comunali per tutte le attività commerciali e l’apertura di un tavolo con i commercianti e residenti per valutare attentamente gli orari della zona a traffico limitato, che ad oggi costituisce una scelta non strutturata, e per pianificare una riqualificazione di Corso Trento e Trieste, di Corso Roma e di tutto il centro storico cittadino, che restituisca loro vivibilità e che preveda un calendario di eventi per incentivarvi l’afflusso di persone”.

Articoli più letti

Ultimi articoli