The news is by your side.

Maestro d’alpinismo sotto la valanga con il cliente. L’ultimo scatto prima della slavina

29

Sono stati travolti dalla neve staccatasi dal Corno Piccolo del Gran Sasso e hanno perso la vita. Si tratta di Pino Sabbatini, 51 anni, responsabile del soccorso alpino di Teramo e un suo cliente che aveva accompagnato in montagna, David Remigio, 43 anni, assicuratore di Pescara. A Prati di Tivo, i due alpinisti sono stati sommersi dalla slavina in località Canale di Mezzo, a quota 2400 metri, in un punto non distante dalla seggiovia. La slavina li ha colpiti proprio a poca distanza dalla Madonnina e fatti precipitare giù.
L’ultima foto Sabbatini l’aveva scattata e postata su Fb proprio prima di partire per una classica escursione, una delle centinaia delle sua carriera da stimatissima guida alpina e responsabile dei soccorsi su ai Prati. Pino sabatino, uno scatto prima della valanga
Una delle vittime è un turista di cui non si conoscono le generalità, mentre l’altra è un nome molto noto del panorama alpinistico abruzzese.
Vani i tentativi di soccorso. Sul posto, elicotteri del 118 partiti da L’Aquila e il soccorso alpino della Forestale di Pescara e di Rieti, con medici e unità cinofile.
Sabbatini è un personaggio molto conosciuto nell’ambiente della montagna abruzzese, ed era il responsabile del Soccorso alpino di Teramo. Maestro di alpinismo, accompagnatore di media montagna, maestro di escursionismo, mountain bike e ciclismo fuoristrada, esperto valanghe AINEVA e tecnico di elisoccorso, Sabatini, di origine teramane, era componente dello storico gruppo alpinistico “Aquilotti del Gran Sasso” di Pietracamela (Teramo), piccolo borgo alle falde del Corno Grande.

Articoli più letti

Ultimi articoli