The news is by your side.

Lo storico albergo di Campo Imperatore sarà ristrutturato: i lavori inizieranno a settembre

983

 

 

L’Aquila. Il Comune dell’Aquila ha appaltato i lavori per il progetto di ristrutturazione dello storico albergo di Campo Imperatore, dimora della prigionia di Benito Mussolini nel 1943. Il bando di gara è stato aggiudicato alle imprese F.lli Di Nardo e S.V. Edil. I lavori inizieranno entro il 15 settembre e avranno una durata stimata di circa un anno e mezzo, per un importo totale del progetto pari a 3 milioni e 800 mila euro, tra fondi Cipes e risorse comunali. Gli interventi riguarderanno il rinnovamento totale della parte impiantistica della struttura, l’abbattimento delle barriere architettoniche, il rifacimento delle coperture esterne, la realizzazione di un centro benessere con piscina interna, sauna e bagno turco, una sala lettura, un bar, spazi dedicati a servizi di pronto soccorso e nolo attrezzature sciistiche. L’albergo avrà una disponibilità ricettiva di ottanta posti letto complessivi.

 

“Un progetto determinante per lo sviluppo del turismo sul Gran Sasso e soprattutto essenziale per ridare slancio ad una struttura che versa in stato di abbandono e senza gestione da troppo tempo. La ristrutturazione dell’albergo di Campo Imperatore avrà una ricaduta importante sul territorio per il rilancio del turismo in alta quota che ha assunto caratteri di stagionalità tanto in inverno quanto in estate. L’obiettivo del progetto non è solo quello di realizzare un restauro architettonico che rispetti le caratteristiche storiche della struttura, ma anche quello di offrire servizi adeguati a viaggiatori e turisti sempre più numerosi che giungono sulla nostra montagna per viverne i paesaggi spettacolari che offre” ha dichiarato il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi.

Il presente messaggio, corredato dei relativi allegati, contiene informazioni confidenziali e riservate, tutelate legalmente dal Regolamento UE n.679/2016 e da leggi civili e penali in materia, ed è destinato esclusivamente al destinatario sopra indicato, il quale è l’unico autorizzato ad usarlo, copiarlo e, sotto la propria responsabilità, diffonderlo. Chiunque ricevesse questo messaggio per errore o comunque lo leggesse senza esserne legittimato è pregato di rinviarlo immediatamente al mittente, distruggendone l’originale, ed è avvertito che trattenerlo, copiarlo, divulgarlo, distribuirlo a persone non autorizzate costituisce condotta punibile penalmente ai sensi degli artt.616 e 618 c.p.p. e che tutti i danni che dovessero derivare, al mittente o a terzi, a causa di tale illecita condotta saranno oggetto di tutela risarcitoria ex art.2043 c.c. dinanzi alla competente autorità giudiziaria.

Articoli più letti

Ultimi articoli