The news is by your side.

Linea Roma-Pescara, petizione per supportare sindaci marsicani e peligni: “nessuno tocchi la ferrovia”

Ecco il link per firmare la petizione online

702

Avezzano. Una petizione online per supportare i sindaci marsicani e della Valle Peligna nella battaglia sulla tratta veloce Roma-Pescara.

Nel pomeriggio di ieri ha preso il via la petizione promossa da Giovanni De Pratti, ingegnere, il governatore della Misericordia di Avezzano Alessandro D’Amato e da Fabio D’Orazi, responsabile Controllo Qualità nella “Star Dust Production” di Avezzano, a supporto dell’attività
dei sindaci di Avezzano, di Sulmona e della Marsica, che in poche ore ha raggiunto le 1.500 firme.

“Si tratta di una iniziativa spontanea”, sottolinea De Pratti, responsabile dell’iniziativa, “che ha preso il via dalla
considerazione che è impossibile non supportare l’operato degli amministratori della Marsica e della Valle Peligna, i quali a gran voce hanno richiesto, anche nella recente adunanza, che si porti avanti il progetto relativo alla tratta veloce Roma – Pescara con passaggio previsto ad Avezzano e Sulmona”.

“E’ un’occasione irripetibile di sviluppo per il territorio”, precisa, “e la presa di coscienza di noi cittadini, che tramite una petizione abbiamo in poche ore già raccolto 1.500 firme, sta a significare che la rotta tracciata è quella giusta: non si può arretrare nemmeno di un millimetro, bisogna portare a casa il risultato nell’interesse delle
generazioni presenti e future, nell’interesse di chi vuole ridisegnare in ottica positiva il futuro delle aree interne”.

“L’obiettivo finale sarebbe quello di arrivare almeno a 10mila firme, per questo facciamo appello al passaparola poiché – considerato che la petizione è online e presente sul portale Change.org con il nome di “Firma per la Ferrovia Roma – Avezzano – Pescara, difendi il tuo territorio, un giusto progetto” – oggi possiamo essere noi, abitanti delle aree interne d’Abruzzo, i portavoce del cambiamento, supportando il sindaco di Avezzano e gli altri nostri primi cittadini ed amministratori”, conclude De Piatti, “in questo difficile ma nobile compito”.

Clicca qui per firmare la petizione.

 

Articoli più letti

Ultimi articoli