The news is by your side.

Lettere per il Sì al referendum: respinta la richiesta di archiviazione per D’Alfonso e Rapino

5

Pescara. La vicenda delle lettere per il Sì al referendum dello scorso 4 dicembre arriverà in udienza il prossimo 2 novembre 2017 al Tribunale di Pescara: lo ha deciso il Gip Antonella Di Carlo che ha respinto la richiesta di archiviazione presentata dal pm Salvatore Campochiaro. Il presidente della Giunta Regionale, Luciano D’Alfonso, e il segretario del Pd Abruzzo Marco Rapino sono entrambi indagati per abuso d’ufficio e violazione dei dati personali. Il procedimento nasce da alcuni esposti presentati da singoli cittadini. Negli esposti si lamentava dell’invio al numero privato di cellulare di diversi sms aventi finalità di propaganda elettorale e di telefonate che sarebbero state effettuate per conto del presidente della Regione in cui l’interlocutore, a precisa domanda di identificarsi, non avrebbe voluto rispondere con il proprio nominativo.

Il pm Salvatore Campochiaro aveva disposto la richiesta di archiviazione ma, a seguito dell’opposizione motivata di un cittadino, relativa – si apprende – alla carenza delle indagini preliminari svolte dagli inquirenti, il Gip ha ritenuto di non poter accogliere tale richiesta fissando l’udienza in camera di consiglio. Un successivo esposto verteva sulla lettera per il Sì al Referendum, che riportava lo
slogan e l’indirizzo web “La Regione dice La Regione fa” che poi fu oggetto della decisione dell’Agcom nazionale di sanzionare la Regione Abruzzo. Un procedimento – si è appreso – è stato aperto anche dal Garante della Privacy, attualmente in via di definizione dopo una richiesta effettuata alla Regione Abruzzo di delucidazioni circa il possesso dei dati personali.

“La lettura di un organo di stampa mi ha consentito di apprendere che per il 2 novembre prossimo il GIP del Tribunale di Pescara avrebbe disposto l’udienza – in camera di consiglio – di cui all’art. 410 c.p.c., con riferimento alle “lettere per il SI”. In detta udienza il Giudice, ove ritenesse ammissibile l’opposizione, potrebbe indicare le attività di indagine da eseguire, ovvero disporre l’archiviazione. Si tratta, quindi, di una indagine preliminare per la quale non vi è stato esercizio dell’azione penale e, quindi, difetta l’esistenza di un imputato”, questo il commento del presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso.

Articoli più letti

Ultimi articoli