The news is by your side.

Lavoratori del call center aquilano, parla l’assessore alle politiche sociali Bignotti

10

L’Aquila. “Pieno sostegno morale alle famiglie coinvolte e pieno sostegno politico alla proposta del vicepresidente del Consiglio Regionale Roberto Santangelo con la quale richiede l’intervento del ministero per quanto attiene la risoluzione del delicato problema che investe ben 157 lavoratori del call center aquilano impegnato nella commessa wind3.” A dichiararlo l’assessore alle politiche sociali del comune dell’Aquila Francesco Cristiano Bignotti che in una nota aggiunge:

“Ritengo che lo Stato abbia il dovere di interessarsi dal punto di vista occupazionale ed economico, anche con normative speciali, della città dell’Aquila e di tutta l’intera provincia trattandosi di un territorio in cui gli effetti del sisma del 2009 si fanno ancora sentire in modo marcato sull’economia, nel quale tardano ad arrivare investimenti privati e nel quale si registra uno dei più alti valori dell’indice di vecchiaia ed un alto tasso di spopolamento. Quanto sta accadendo a questi lavoratori – aggiunge l’assessore – è solo la punta di un iceberg che coinvolge intere famiglie che si trovano quotidianamente a dover affrontare ristrettezze economiche di ogni genere e di questo ne è prova l’elevato numero di nuclei familiari che anche quest’anno hanno presentato domanda per ottenere il bonus economico straordinario quale elemento di sostegno al reddito: circa 350 domande.”
“Auspico – conclude l’assessore – che si trovi presto una soluzione per queste 157 famiglie e che finalmente le aziende che intendono investire sul nostro territorio mantengano una visione d’insieme e di lungo periodo per il benessere dei lavoratori e dell’azienda stessa, ancor di più in seguito all’emergenza covid-19 che molto probabilmente lascerà ampi strascichi economici.”

Articoli più letti

Ultimi articoli