The news is by your side.

L’Aquila allergologia “laboratorio” nazionale per nuove cure contro il nichel

9

L’Aquila. L’ospedale san Salvatore dell’Aquila apre la strada, in Italia, a nuove cure per l’allergie da nichel, il metallo utilizzato (soprattutto dai giovani: 30% tra 16 e 25 anni) per piercing e orecchini. Una ricerca sulla desensibilizzazione orale del metallo – condotta su 80 soggetti dal servizio di Allergologia del San Salvatore, diretto dal dottor Carlo Di Stanislao – si è dimostrata efficace in 55 pazienti (con  problemi di dermatite diffusa, disturbi intestinali e cefalea), ha prodotto miglioramenti in 15 e solo 10 casi non si è rivelata incisiva. Allergologia, 12.000 osservazioni in 15 anni consecutivi,  consolida così un posto di primissimo piano a livello nazionale, tenendo conto che è tra le poche strutture in Italia ad effettuare uno specifico test (mucosal patch-test) su questo tipo di allergia da nichel. Nel prossimo giugno, tra l’altro, si tireranno le somme anche su un’altra sperimentazione (della durata di 6 mesi) in cui viene utilizzata la ‘Perilla frutescens’, pianta della tradizione fitoterapica  cinese e giapponese che contiene sostanze che prevengono le allergie da nichel. Per sottoporsi al patch-test sul nichel, praticato  solo da pochi ospedali italiani, il 28,5% di utenti arriva da fuori Regione (Lazio, Molise, Marche e Umbria). Pollinosi in aumento e attenti al vento. In questi mesi (in particolare da marzo ad aprile) si registra un forte incremento delle allergie da pollini, soprattutto da cipressi, noccioli e betulle. Reazioni allergiche che si attenuano al passaggio delle perturbazioni ma che tornano alla carica  al ritorno del sole e di aria più secca e, peggio ancora, in condizioni ventose. L’eccessiva  produzione di istamina che scatena starnuti, tremendi pruriti al naso, alla gola e alle orecchie. Andamento confermato dal crescente trend annuale del numero di prove allergiche: 2.200, vale a dire 200 in  più rispetto agli anni precedenti.  Allergologia del San Salvatore è all’avanguardia anche lo studio e la cura delle reazioni da farmaci (in forte aumento), anestetici locali e mezzi di contrasto. Il servizio effettua, per questa specifica forma di allergia, oltre 600 prestazioni l’anno e ha  come punto di i ridotti tempi di attesa per le visite: 21 giorni rispetto a una media nazionale di 12 mesi. Nel 2012, in Italia, si è registrato un aumento delle allergie alimentari in età pediatrica, con il 5% dei soggetti fino a 6 anni e del 2% per giovani fino a 18. “Sullo shock anafilattico dei piccoli”, dice Di Stanislao, “come unità operativa siamo impegnati da tempo nelle scuole per insegnare alla famiglia e alla scuola e allo stesso bambino cosa fare: dall’assunzione di antistaminici orali all’iniezione di adrenalina con iniettore automatico. In seguito alla reazione allergica,  il trattamento deve essere immediato, senza perdere tempo a cercare genitori o medici, e va chiamato il 118 per portare il bambino al Pronto soccorso. E’ un promemoria che il piccolo deve avere con sé, firmato da pediatria e genitori, con il numero di telefono di tutti e tre. Per la diagnosi facciamo test cutanei e orali”. Il San Salvatore è l’unico ospedale, in Abruzzo,  a fare l’esame che accerta se vi è una congiuntivite da allergia. Come? Tramite ‘strisci congiuntivali’, cioè tamponi non invasivi. 200 test l’anno, di cui 50 su pazienti residenti in altre Asl abruzzesi.

san salvatore

Articoli più letti

Ultimi articoli