The news is by your side.

La Corte Costituzionale boccia il referendum sulla riforma per i tribunali minori

4

L’Aquila. I referendum sulla riforma della geografia giudiziaria sono inammissibili. Lo ha deciso – a quanto si apprende – la Corte Costituzionale. I tre quesiti referendari erano stati promossi da cinque consigli regionali: Basilicata, Puglia, Sicilia, Abruzzo e Campania. E puntavano all’abrogazione delle misure che hanno disposto la soppressione di 30 tribunali ordinari e corrispondenti procure. Analoga iniziativa, avviata dalle stesse 5 Regioni nel giustizia- tribunale2013, era già stata dichiarata non ammissibile. La Corte Costituzionale ha dichiarato inammissibili i quesiti referendari spegnendo ogni speranza per i tribunali minori come quello di Avezzano, Sulmona, Lanciano e Vasto. Già un anno fa, la Consulta aveva detto no al referendum sulla geografia giudiziaria, ma il quesito era stato di nuovo sottoposto dai Consigli regionali al vaglio della Cassazione e quindi della Corte Costituzionale.

Articoli più letti

Ultimi articoli