The news is by your side.

Investì intenzionalmente un commerciante, condannato a tre anni di reclusione

1

Roseto. Tre anni per omicidio colposo, con il rigetto della richiesta di risarcimento danni alle parti civili (che hanno comunque già avuto il risarcimento dell’assicurazione). giustizia- tribunaleSi è concluso così, al Tribunale di Teramo, il processo con rito abbreviato davanti al gup Domenico Canosa che vedeva imputato Alessandro Bacchetta, 41 anni, rosetano, accusato di aver investito ed ucciso, il 10 settembre del 2013, il 52enne commerciante Roberto Natalini. Un investimento che per la Procura sarebbe stata una vera e propria azione intenzionale. Tanto che all’uomo fu inizialmente contestato l’omicidio volontario e successivamente l’omicidio preterintenzionale, accusa quest’ultima con la quale era finito a processo. Per la Procura infatti Bacchetta, che conosceva Natalini da tempo e che con lui aveva avuto diverse discussioni in passato, avrebbe investito la vittima con l’intenzione di procurargli delle lesioni, forse per vendicarsi di vecchi screzi. Tanto che prima dell’investimento, avvenuto in una zona regolarmente illuminata, Bacchetta, sempre secondo la Procura, avrebbe deliberatamente accelerato puntando contro Natalini. Dopo l’incidente Bacchetta, per il quale il pm Davide Rosati aveva chiesto 8 anni e 8 mesi, si era allontanato per poi presentarsi ai Carabinieri qualche ora dopo. Al termine dell’abbreviato, il gup ha derubricato il reato in colposo e condannato Bacchetta a tre anni. “Apprezzo come al solito l’atteggiamento del pm e la sua professionalità ­ è il commento dell’avvocato Cataldo Mariano, che difendeva Bacchetta ­ e prendo atto della decisione del giudice, conforme alle risultanze processuali”.

Articoli più letti

Ultimi articoli