The news is by your side.

In arrivo migranti da Lampedusa nella Marsica. Saranno ospiti ad Avezzano in un centro di Paterno

16

Avezzano. Arriveranno nelle prossime in Abruzzo 55 migranti sbarcati nelle ultime ore in Italia. Di questi 25 sono stati assegnati dal ministero dell’Interno a una struttura che si trova a Paterno, frazione di Avezzano. Si tratta di profughi fuggiti dall’Africa e approdati a Lampedusa su un’imbarcazione di fortuna.

Dopo essere stati tratti in salvo sono stati trasferiti a Porto Empedocle e poi divisi nelle varie case di accoglienza del centro Italia. Di questi 55 arriveranno nelle prossime ore in Abruzzo. Secondo quanto disposto dalle autorità competenti andranno 25 ad Avezzano e 30 a Chieti. In città arriveranno domani.

Saranno immediatamente sottoposti a tampone e messi in isolamento come già avvenuto per i nord africani ospitati attualmente nelle strutture di Canistro e Civita d’Antino. La notizia ha sollevato delle polemiche in città. Tiziano Genovesi, candidato sindaco della Lega, si è detto pronto a fare le barricate se fossero arrivati nella Marsica, mentre Massimo Verrecchia, braccio destro del presidente Marco Marsilio e candidato alla carica di consigliere comunale ad Avezzano, ha puntato il dito contro il governo.

“L’unica attenzione che ha il Governo di sinistra nei confronti di Avezzano e della Marsica viene registrata solo quando deve inviarci migranti così come avverrà lunedì, dove arriveranno 25 migranti provenienti da Lampedusa e precisamente nella frazione di Paterno ad Avezzano”, ha precisato Verrecchia, “bene ha fatto il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, a ribadire la propria contrarietà e indignazione nei confronti del Governo. La Asl provvederà subito ad effettuare ulteriori tamponi così da evitare quello che già è accaduto qualche settimana fa a Civita d’Antino e Canistro, dove vennero registrati casi positivi mettendo a serio rischio il sacrificio fatto dai nostri concittadini in questi mesi. Nello stato di emergenza sanitaria che viviamo in questo periodo bisogna attuare il blocco navale”.

Articoli più letti

Ultimi articoli