The news is by your side.

Il processo sugli isolatori sismici dell’Aquila finisce prescritto, era nato da un’inchiesta televisiva

79

L’Aquila. Finisce con la prescrizione, senza colpevoli o innocenti, senza responsabilità accertate e, soprattutto, senza certezze sulla qualità delle realizzazioni post-terremoto dell’Aquila, il processo al tribunale dell’Aquila sugli isolatori sismici, ovvero le ‘molle’ installate sotto le palazzine del progetto C.a.s.e. costruite dopo il terremoto 2009, fatti talmente male che si sono spezzati in alcuni casi nei test in laboratorio. Il processo, nato da un’inchiesta televisiva, ipotizzava il reato di frode nelle pubbliche forniture degli isolatori sotto le palazzine del progetto C.a.s.e., il complesso di 4.450 alloggi antisismici costruiti in 19 new town dopo il sisma del 6 aprile con la spesa di 1 miliardo in tutto, di cui 350 milioni di aiuti europei. Hanno ospitato 15 mila aquilani, ma sono stati anche oggetto di polemiche e inchieste giudiziarie per la qualità della costruzione, come quell’altra sul crollo dei balconi, indagine passata per competenza territoriale ad altro tribunale e destinata pure a concludersi con un nulla di fatto.

Secondo la ricostruzione accusatoria del pubblico ministero Fabio Picuti, una delle ditte coinvolte, la Alga spa, ha fornito 4.896 dei circa 7.300 isolatori complessivi e li ha consegnati privi dei certificati di omologazione e qualificazione del Consiglio superiore dei lavori pubblici e delle protezioni da umidità e polvere. Non solo: in teoria, almeno 200 isolatori oggetto di indagine sui 7.300
complessivi installati rischierebbero di causare crolli in caso di nuovo, forte terremoto. C’è da dire che in questi nove anni sono già stati sottoposti a severi test con le forti scosse del 2016 e 2017 che, comunque, non avevano epicentro all’Aquila ma, come noto, nel Centro Italia fino al massimo a Montereale. Il giudice Adolfo Di Zenzo ha dichiarato oggi l’intervenuta prescrizione del procedimento penale, che vedeva imputati Gian Michele Calvi, all’epoca direttore dei lavori, e Agostino Marioni, dirigente della Alga spa, una delle ditte fornitrici, assistiti dagli avvocati Nello Serchia del foro di Avezzano e Stefano Rossi del capoluogo.

Articoli più letti

Ultimi articoli