The news is by your side.

Il Parco della Majella punta alla rete ‘Unesco Global Geoparks’

8

Sulmona. ­ Il Parco nazionale della Majella sta lavorando per essere ammesso agli “Unesco Global Geoparks” e parallelamente si candida ad essere riconosciuto come “Patrimonio Culturale Associato” per i suoi eremi e il Sentiero dello Spirito. La rete mondiale dei Geoparchi, che conta 120 aree riconosciute in 33 Paesi, nasce per accrescere la consapevolezza e la comprensione di fattori quali uso sostenibile delle risorse, mitigazione degli effetti dei cambiamenti climatici, riduzione dell’impatto dei disastri ambientali. La protezione dei siti di interesse geologico, Geositi, passa anche attraverso la creazione di condizioni necessarie al sorgere di imprese locali a essi legate, generando nuove fonti di reddito grazie al geoturismo.

Questa candidatura per la Majella è il naturale sbocco di tutte le azioni che il Parco ha fatto per valorizzare il patrimonio geologico coinvolgendo enti e università sul territorio. Domani venerdì 7 aprile, alle 10, presso la sala Ciampa della sede operativa del Parco nazionale a Sulmona, si terrà un incontro per continuare l’opera di coinvolgimento del territorio. Interverranno il presidente del Parco, Franco Iezzi, e la geologa del Parco, Elena Liberatoscioli, il presidente della Comunità del Parco, Alessandro D’Ascanio, rappresentanti dell’Ordine dei Geologi d’Abruzzo, Nicola Tullo e Giancarlo Boscaino, e il geologo della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio, Silvano Agostini.

Articoli più letti

Ultimi articoli