The news is by your side.

“Il governo svilisce il ruolo dell’avvocato”, l’accusa del settore giustizia di Fratelli d’Italia

11

L’Aquila. “Riteniamo prioritario rivalutare la figura e il ruolo dell’avvocato, sia come professionista sia come parte ineludibile nell’amministrazione della giustizia a difesa dei diritti del cittadino”. È la posizione del dipartimento regionale del settore giustizia di Fratelli d’Italia. Lo affermano il responsabile regionale, l’avvocato Luigi Comini, e i responsabili provinciali, l’avvocato Amelide Francia (per la provincia di Teramo), l’avvocato Francesco Carattoli (per la provincia dell’Aquila), l’avvocato Alfredo Cremonese (per la provincia di Pescara) e l’avvocato Marco Di Domenico (per la provincia di Chieti).

“La riforma dell’accesso alla professione tramite l’introduzione di un semplice test con domande a risposta multipla, l’esclusione degli avvocati dalle indennità agli autonomi introdotte dalla recente legge di bilancio e lo svolgimento di un rito camerale in appello senza la presenza del difensore, previsto dal disegno di legge di riforma del processo penale proposto dal ministro Bonafede, confermano che l’orientamento della attuale maggioranza di governo è quello di svilire il ruolo dell’avvocato” spiega Comini. “Il condivisibile obiettivo di accorciare i tempi del processo, sia in sede civile che penale, non può essere raggiunto a discapito della tutela dei diritti del cittadino”.

“La crisi epidemiologica, inoltre, non ha fatto altro che acuire la marginalizzazione del ruolo dell’avvocato, mortificato dalle modalità di svolgimento delle udienze penali in videoconferenza o di quelle civili per via telematica che, se tollerabili nell’emergenza sanitaria, non possono divenire la normalità se non per quelle meramente “di rito”. A tal proposito, si rende anche necessario uniformare le modalità di svolgimento delle udienze, sia civili che penali, nei diversi tribunali abruzzesi” continua Comini. “Occorre, inoltre, concedere la giusta attenzione anche ai giovani aspiranti avvocati e garantire loro il regolare svolgimento della sessione d’esame 2020 attualmente fissata per il prossimo mese di aprile. Provvederemo a stilare un documento contenente le principali proposte in materia da trasmettere ai gruppi parlamentari di Fratelli d’Italia” conclude.

Articoli più letti

Ultimi articoli