The news is by your side.

I Talami di Orsogna chiudono le festività pasquali in Abruzzo

3

Orsogna. Le festività pasquali in Abruzzo durano fino al martedì grazie alla festa dei Talami di Orsogna che, anche quest’anno, nonostante la giornata feriale, ha richiamato una folla di orsognesi e turisti intorno a uno dei riti più antichi e suggestivi della tradizione religiosa italiana. Una festa contadina di varia ispirazione, dal rito propiziatorio per il futuro raccolto al dramma liturgico di epocamedievale, che quest’anno ha proposto scene bibliche raffigurate in capolavori dell’arte italiana e reinterpretate da artisti scelti con un apposito concorso. Omaggio anche al cibo, grazie al gemellaggio con il Comune di Villa Santa Maria e il suo Istituto alberghiero “Giovanni Marchitelli”, i cui studenti e docenti hanno poi cucinato il piatto tipico di questa festa, “li gnuccune aristufite”, portata principe del pranzo conclusivo in piazza. Il tema conduttore dell’edizione 2018 è, infatti, “Bibbia e arte. Grandi eventi visti da grandi pittori”: affreschi e dipinti, da Guido Reni al Beato Angelico, sono stati trasformati in una sorta di altorilievo.

Posti su carri agricoli trainati da trattori, i Talami rappresentano episodi del Vecchio e Nuovo Testamento interpretati dagli abitanti di
Orsogna vestiti in costume d’epoca e immobili in pose plastiche. Dietro di loro c’è un fondale affrescato, in cima al quale, sospesa davanti a una raggiera, una bimba impersona la Vergine Maria. L’ultimo Talamo, il settimo, è stato trasportato a spalla dal locale Gruppo Alpini. Al termine della sfilata sono stati premiati gli artisti che hanno realizzato i sette quadri biblici viventi, selezionati dal Comitato tecnico scientifico cui l’Amministrazione comunale del sindaco Fabrizio Montepara ha affidato il recupero e la valorizzazione delle tradizioni insieme all’Associazione culturale Talami Orsogna che ha organizzato la manifestazione.

Articoli più letti

Ultimi articoli