The news is by your side.

Giovani alpini morti sul Gran Sasso, centinai di persone presenti alla camera ardente.

3

L’Aquila. Centinaia di persone alla camera ardente allestita dalle 23 di mercoledì nella Caserma “Pasquali” dell’Aquila per Giovanni De Giorgi e Massimiliano Cassa, i due alpini precipitati venerdì scimages (5)orso sul Gran Sasso e recuperati dopo cinque giorni. Ieri, i due feretri sono partiti per la Puglia dove sono state celebrate le esequie. La salma di Cassa, 29 anni, è giunta a Corato, in provincia di Bari, dove alle 15.30 erano in programma i funerali, quella di De Giorgi, 26 anni, è stata invece trasferita a Galatone, in provincia di Lecce, l’ultimo saluto è per le 15 di oggi. La caserma intera e tutta la città si sono stretti intorno alla famiglia. Ieri’ prima della partenza dei ferestri, a rendere omaggio ai familiari c’erano il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, generale di Corpo d’Armata Claudio Graziano, il comandante della Brigata Alpina Tautinense, generale di Brigata Massimo Panizzi, e il comandante del 9° Reggimento Alpini, colonnello Massimo Iacobucci. Sono intervenuti anche il sindaco dell’Aquila, il prefetto Francesco Alecci e l’arcivescovo Giuseppe Petrocchi, oltre ad altre autorità civili e militari. Presenti anche rappresentanti dell’Associazione nazionale alpini (Ana). La camera ardente è stata presidiata da un picchetto d’onore. “Tutta la nostra città vuole abbracciare i familiari di questi due giovani alpini”, le parole del sindaco Cialente.

 

Articoli più letti

Ultimi articoli