The news is by your side.

Funerali 4 escursionisti, il sindaco Di Pangrazio: Il vostro nome scritto nella storia della Marsica

328
Avezzano. Tanta commozione per la canzone intonata dal coro durante la comunione dei funerali dei quattro escursionisti che hanno perso la vita sul Monte Velino: “Su ali d’Aquila”.
Tu che abiti al riparo del Signore
E che dimori alla sua ombra
E al Signore mio Rifugio
Mia roccia in cui confido
Ti rialzerà, ti solleverà
Su ali d’aquila ti reggerà
Sulla brezza dell’alba ti farà brillar
Come il sole, così nelle sue mani vivrai
Dal laccio del cacciatore ti libererà
E dalla carestia che distrugge
Poi ti coprirà con le sue ali
E rifugio troverai
Ti rialzerà, ti solleverà
Su ali d’aquila ti reggerà
Sulla brezza dell’alba ti farà brillar
Come il sole, così nelle sue mani vivrai
Non devi temere i terrori della notte
Né freccia che vola di giorno
Mille cadranno al tuo fianco
Ma nulla ti colpirà
Ti rialzerà, ti solleverà
Su ali d’aquila ti reggerà
Sulla brezza dell’alba ti farà brillar
Come il sole, così nelle sue mani vivrai
Ti rialzerò, ti solleverò
Su ali d’aquila ti reggerò
Sulla brezza dell’alba ti farò brillar
Come il sole, così nelle mie mani vivrai.
Alla fine della celebrazione dei funerali, officiati da tutti i parroci di Avezzano e della zone limitrofe, come ha spiegato lo stesso vescovo dei Marsi, un amico di famiglia ha letto una poesia per i quattro escursionisti, che ha ricordato la loro salita sul Monte Velino.
Don Adriano Principe ha letto una dedica di Gian Mauro per la madre Lena:
La mia pace la trovo nella somma degli attimi in cui do tutto. Vedo la mia stella nel cielo e la voglio raggiungere mai mi arrenderò all’idea di non essere abbastanza per raggiungere un obiettivo. Io brucio nella forza della mia motivazione. A mia madre, mio padre alla vita, alla meraviglia, agli altri.
Il sindaco di Avezzano Gianni Di Pangrazio:
Le mie parole mi sono suggerite dalla comunità. Tutti abbiamo fatto esperienza con ansia e disperazione ponendoci accanto a voi provando a condividere il silenzio fatto di sofferenza e attesa.
Lasciamo che il silenzio ci parli e riempi il vuoto dentro di noi qui è espressa da rappresentanti di esperti e istituzioni. Tanti stanno partecipando anche da lontano. Dobbiamo tutti insieme coltivare nella loro memoria un segno di futuro e speranza.
Torneranno la voce e i sorrisi dei nostri quattro amici che erano saliti sul Velino, simbolo della nostra terra. A voi, che più di ogni altro siete nella sofferenza vi diciamo che siamo vicini. Questi nomi sono stati stati scritti per sempre nella vita e nella storia della Marsica e dell’Abruzzo.
Clicca per vedere la diretta: https://www.youtube.com/watch?v=JQrWF5e-qqs

Funerali, il vescovo: “Quando si scioglierà la neve, Valeria, Gianmarco, Gian Mauro, Tonino ci rivedremo”

Articoli più letti

Ultimi articoli