The news is by your side.

Festività pasquali con ristoranti chiusi e supermercati aperti, Acerbo: i nostri appelli rimasti inascoltati

109

Pescara. Il segretario nazionale di rifondazione comunista non frena la voce, a difesa di una categoria costretta a lavorare anche durante le festività pasquali, mentre un’altra rimane martoriata dai mancati incassi. Maurizio Acerbo a tal proposito ha dichiarato: “Il Presidente Marsilio e la giunta regionale di destra hanno deciso che a Pasqua e Pasquetta si potranno tenere aperti i supermercati. Gli appelli lanciati da Rifondazione Comunista e Cgil sono rimasti inascoltati. Per sincerarmi che il presidente fosse informato gli ho anche telefonato personalmente e poi gli ho inviato via whatsapp l’ordinanza della Regione Puglia a cui si è aggiunta quella della Toscana. Quindi Marsilio non può nascondersi dietro la pessima decisione del governo Draghi di non prevedere la chiusura per le due giornate di zona rossa nazionale”.

 

Le polemiche del segretario sono proseguite nei confronti del governatore Marsilio e della sua giunta: “Le regioni potevano fare da sé come spiego da tempo e Marsilio e la sua giunta hanno deciso di non farlo. Si badi bene: nessuno ha chiesto di chiudere ristoranti e pizzerie che vendono per l’asporto. Si trattava di chiudere supermercati e iper che di sicuro non hanno subito decremento di vendite alimentari in questo anno di pandemia. La loro chiusura avrebbe semmai aumentato la clientela di chi si rivolge all’asporto. In questa decisione di far lavorare anche a Pasqua e Pasquetta si evince la mancanza di rispetto per commesse e commessi che non a caso non sono stati inseriti nelle categorie da vaccinare subito pur essendo esposti al pubblico. La categoria nel 2020 ha subito un incremento della mortalità del 57% ma della classe lavoratrice evidentemente frega poco a chi governa. Da segnalare la giravolta della Lega che un tempo si dichiarava contraria alle aperture festive ma andata al governo ha tradito i piccoli esercizi e i dipendenti della grande distribuzione”.

Articoli più letti

Ultimi articoli