The news is by your side.

Fase 2, all’Aquila attivo da domani il centro prelievi maestranze cantieri. Ance: soluzione riporti serenità

4
Foto Vincenzo Livieri – LaPresse
27-03-2019 – L’Aquila
Cronaca
L’Aquila a dieci anni dal terremoto del 2009. Nella foto la città dal Ponte Belvedere
Photo Vincenzo Livieri – LaPresse
27-03-2019 L’Aquila (Italy)
News
The city of L’Aquila, ten years after the 2009 earthquake. In the picture a view from the Belvedere bridge

L’Aquila. Sarà attivo da mercoledì prossimo il centro prelievi per le maestranze della ricostruzione all’Aquila, costituito da 9 tensostrutture installate a tempo di record, per un laboratorio da campo realizzato nel presidio sanitario della Asl di Collemaggio: sarà in grado di effettuare 500 prelievi al giorno che verranno processati nell’Istituto Zooprofilattico sperimentale di Abruzzo e Molise a Teramo. Gli esiti dei test saranno forniti in 36/48 ore e trasmessi direttamente al medico aziendale: si procederà per ordine di prenotazione e probabilmente già da venerdì prossimo alcune aziende potrebbero aprire il cantiere. L’iniziativa, nel giorno di avvio della seconda fase dell’emergenza coronavirus, è stata curata dall’Associazione nazionale costruttori edili (Ance) della provincia dell’Aquila in mezzo alle polemiche divampate per la mancata riapertura dei cantieri della ricostruzione a seguito dell’ordinanza del sindaco, Pierluigi Biondi, con cui, per evitare un picco di contagi in un territorio tra i meno colpiti, si obbligano le imprese a fare tamponi alle maestranze, operazione non possibile in poco tempo.

“Ci auguriamo che questa soluzione possa far ritrovare maggiore serenità alla città”, ha commentato Cicchetti, “e di aver dato un segno del senso di responsabilità che viviamo sulla nostra pelle. Per indole gli imprenditori amano cercare soluzioni e non polemiche. Per questo ci siamo rimboccati le maniche riuscendo a raggiungere un ottimo risultato in tempi brevi. Questo non darà a nessuno la patente di immunità, per questo continueremo a osservare tutte le misure previste da rigidi protocolli nazionali. Il Covid può veicolarlo qualunque categoria, non si mettano all’indice gli operai”. La operazione tamponi è carico dei costruttori.

Articoli più letti

Ultimi articoli