The news is by your side.

Expo, L’Aquila la grande assente. Nessun rappresentante del capoluogo a Milano

1

L’Aquila. Expo, L’Aquila la grande assente. Non c’era nessuno a rappresentare il capuluogo e non vi sarà nessuno all’inaugurazione di csa Abruzzo all’Expo di Milano.”Non eravamo a Milano all’inaugurazione di Casa Abruzzo, perché eravamo impegnati e viaggiare costa, e non ci saremo neanche il 2 maggio all’inaugurazione dell’Expo, perché qui all’Aquila si inaugura la basilica di San Bernardino”. Per il primo cittadino dell’Aexpo_2015_flags___milano_by_davidhenocq-d65ar6wquila sembra che l’Expo possa attendere o comunque vi siano delle priorità, delle difficoltà che sembrano mettere in secondo la partecipazione all’evento milanese. L’attività politica aquilana concede pochissimo tempo, e per la concomitanza dei tagli dei nastri tra L’Aquila e Milano. L’assenza di una rappresentanza istituzionale del capoluogo abruzzese si era notata a palazzo Giureconsulti, alla presentazione di Casa Abruzzo, nel cuore di Brera, dove al fianco al presidente della Regione, Luciano D’Alfonso, e al sottosegretario alla Presidenza con delega all’Expo, Camillo D’Alessandro, c’era solo il sindaco di Pescara,Marco Alessandrini e nessuno dal capoluogo di Regione. Cialente minimizza ed assicura che non è necessaria la presenza fisica, anche perché “viaggiare troppo a spese dei contribuenti non è corretto”. Basterà la presenza dei prodotti tipici del cratere sismico che saranno offerti in degustazione al padiglione uno, e della Bolla del perdono di Celestino V, por la quale ribadisce Cialente, “stiamo definendo la sua collocazione nel Padiglione Italia, tra le opere più importanti del Paese”.

Articoli più letti

Ultimi articoli